/ Cronaca

Cronaca | 22 dicembre 2022, 15:27

In sei minuti la rapina e gli spari. La difesa: "L’arma estratta quando la moglie è stata percossa e i tre erano ancora nella gioielleria"

Una vecchia condanna per minacce e la violenta aggressione subita nel 2015 tra gli elementi in discussione nell’udienza del processo al gioielliere di Grinzane. Le parti civili: "Il video esclude in maniera totale l’ipotesi della legittima difesa". Il difensore: "Reazione iniziata prima che i tre uscissero dal locale"

Il fotogramma del video della rapina indicato dalla difesa del gioielliere

Il fotogramma del video della rapina indicato dalla difesa del gioielliere

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Accedi

Non sei ancora abbonato? Clicca qui

Ezio Massucco

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium