/ Attualità

Attualità | 27 febbraio 2023, 15:02

"La mia gratitudine per quelle dottoresse e ostetriche che mi hanno salvato la vita"

Dall'Ospedale Regina Montis Regalis di Mondovì una bella storia di buona sanità

Valentina Barberis col piccolo Michele e la figlioletta Emma

Valentina Barberis col piccolo Michele e la figlioletta Emma

Riceviamo e pubblichiamo.

***

Ci sono storie dove il confine tra i lieto fine e il dramma è sottile, talmente tanto flebile che il destino sugli esiti può essere in mano a una persona, che con la sua competenza, il suo sangue freddo, le sue capacità, può far cambiare gli esiti degli eventi.

Questa è la storia del piccolo Michele, venuto al mondo all'Ospedale Regina Montis Regalis il 18 febbraio scorso; è la storia di papà Mauro; ma soprattutto è la storia di mamma Valentina, che dopo aver vissuto la gioia del parto, assieme alla sua famiglia è precipitata in un incubo che poteva avere conseguenze fatali. Una grave emorragia, litri di sangue che abbandonano il corpo in brevissimo tempo, operazione urgente in codice rosso, poi la terapia intensiva, intubata, la lotta sul confine, l'attaccamento alla vita, il ritorno alla normalità. Oggi Valentina può godersi il piccolo Michele, assieme a Mauro ed Emma.

“Può raccontarla”, come si usa dire, con semplicità, dalle nostre parti. E tutto ciò grazie, come dicevamo, a un équipe di persone preparate e prontissime; in primis, la dottoressa Chiara Bondi, che ha effettuato le prime manovre per arrestare l’emorragia; le ostetriche Giulia Amato e Marina Gagliardi; e la dottoressa Maria Milano, ginecologa, responsabile di Ecografia e Diagnosi prenatale presso l'Ospedale monregalese, che assieme alla dottoressa Bondi ha effettuato l'operazione.

«In pochissimi minuti – racconta Valentina – la dottoressa Milano e la sua “squadra” sono riusciti a organizzare la sala operatoria, eseguire l'intervento, salvarmi la vita. Gli ospedali più grandi, in queste situazioni, sono dotati di sala operatoria interna, Mondovì non ne è provvista, ma la grande professionalità della dottoresse Bondi e Milano, e di tutte quante le persone che sono intervenute ha fatto la differenza. Da parte mia, di Mauro, del piccolo Michele, di tutta la nostra famiglia, non può che andare un grande “grazie” a queste persone splendide, eccezionali sia dal punto di vista professionale che da quello umano. Un “grazie” che si estende al personale dei reparti di Rianimazione, Ostetricia e Nido dell'Ospedale Regina Montis Regalis, che non mi hanno mai fatto mancare la loro vicinanza e il loro calore. Un ringraziamento che vuole raggiungere anche i donatori di sangue, un gesto prezioso che spesso contribuisce a salvare vite».

Una storia di “buona sanità”, una storia a lieto fine, una storia di eccellenza monregalese che ha regalato felicità e futuro a una bella famiglia.

Al direttore

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium