/ Agricoltura

Agricoltura | 04 ottobre 2020, 08:13

Contributi a favore di allevatori di vitelli, suini, ovicaprini e conigli: al via le domande

Lo Studio AGRIEURO illustra le Istruzioni Operative n. 89 del 30 settembre 2020, con cui Agea fornisce indicazioni circa la presentazione di domande volte all’ottenimento di contributi a favore degli allevatori di vitelli, suini, ovicaprini e conigli.

Contributi a favore di allevatori di vitelli, suini, ovicaprini e conigli: al via le domande

L’emergenza sanitaria che ha avuto impatto a livello nazionale, ma anche mondiale, richiede sforzi per superarne le difficili conseguenze, specie sul piano economico. Il comparto agricolo, in particolare, non si è potuto fermare, pertanto si è ritenuto necessario fornirgli un sostegno attraverso apposite misure di potenziamento.

In particolare, sono stati stanziati 65 milioni di euro così ripartiti:

-        30 milioni di euro per la filiera suinicola;

-        4 milioni di euro per la filiera cunicola;

-        20 milioni di euro per la filiera delle carni di vitello;

-        0,5 milioni di euro per la filiera caprina;

-        8,5 milioni di euro per la filiera ovicaprina

-        2 milioni di euro per filiera del latte bufalino come incremento delle risorse di cui all’articolo 3 comma 3 lettera d) del decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali 3 aprile 2020 recante “Istituzione del Fondo per la competitività delle filiere”.

L’intento è quello di favorire la competitività del settore agricolo e agroalimentare, favorire lo sviluppo e gli investimenti delle filiere, valorizzare i contratti di filiera nel comparto zootecnico, migliorare la capacità di autoapprovvigionamento, così da garantire scorte che consentano di affrontare situazioni di crisi.

In considerazione di tutto quanto premesso, con le Istruzioni Operative n. 89 del 30 settembre 2020, Agea ha fornito indicazioni circa la modalità di presentazione di apposite domande di contributo inerenti il settore zootecnico.

I beneficiari di tali contributi sono le imprese agricole di allevamento di ovicaprini, vitelli, suini e conigli, nati, allevati e macellati in Italia.

I contributi previsti sono così riassumibili:

 

FILIERA CARNI DI VITELLO

Alle imprese agricole di allevamento di vitelli da carne è concesso un aiuto fino a 110 euro per ogni capo di età inferiore agli 8 mesi macellato nel periodo dal 1° marzo al 30 giugno 2020.

 

FILIERA SUINICOLA

Alle imprese agricole di allevamento di suini è concesso un aiuto fino a 20 euro per ogni capo di suino macellato nel periodo dal 1° maggio al 30 giugno 2020 e fino a 18 euro per ogni scrofa allevata nel periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2020.

 

FILIERA CAPRINI

Alle imprese agricole di allevamento di caprini è concesso un aiuto fino a 6 euro per ogni capo di capretto macellato nel periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2020.

 

FILIERA OVICAPRINI

Alle imprese agricole di allevamento di ovicaprini è concesso un aiuto fino a 3 euro per ogni pecora e/o capra allevata nel periodo dal 1° maggio al 30 giugno 2020.

 

FILIERA CUNICOLA

Alle imprese agricole di allevamento di conigli è concesso un aiuto fino a 1 euro per ogni capo macellato nel periodo dal 1° aprile al 30 giugno 2020.

 

Le domande andranno presentate tra l’8 ottobre 2020 ed il 22 ottobre 2020, secondo le indicazioni.

Maggiori informazioni ed aspetti di dettaglio sono rinvenibili nelle Istruzioni Operative in questione.

Si tratta, in sostanza, di un contributo che può essere valido per sostenere il comparto zootecnico, il quale, oltre alle difficoltà già note, si è trovato ad affrontare le conseguenze derivanti dall’emergenza sanitaria, la quale ha impattato duramente sull’economia ed i cui effetti si stanno ancora manifestando.

 

Studio Agro-tecnico AGRIEURO

di Pasero Agr. Angelo

www.studioagrieuro.it

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium