/ Attualità

Attualità | 21 giugno 2024, 15:15

"Agenzie di somministrazione poco disponibili e trsparenti con i lavoratori": la denuncia dei sindacati Uiltemp e Nidil

"Non rispondere alle richieste di assistenza e rimandare costantemente ai numeri verdi è inaccettabile e mette in serio rischio i diritti dei lavoratori"

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio



In un'epoca in cui la flessibilità lavorativa è diventata la norma, le agenzie di somministrazione svolgono un ruolo cruciale nell'intermediazione tra domanda e offerta di lavoro. Tuttavia, non tutte le agenzie dimostrano la stessa trasparenza e disponibilità verso i propri lavoratori. In particolare, è crescente la preoccupazione per quelle agenzie che non collaborano con i sindacati UILTEMP, NIDIL  lasciando i lavoratori in una situazione di incertezza e frustrazione.
Molti lavoratori segnalano che, quando cercano assistenza o risposte alle loro domande, i referenti locali delle agenzie non sono disponibili. Questo atteggiamento porta i lavoratori a rivolgersi ai numeri verdi, a scrivere mail, etc che però spesso non forniscono soluzioni concrete. Il risultato è un limbo in cui i lavoratori si sentono abbandonati e senza alcun supporto reale.

Testimonianze Dirette


Giulia, 34 anni, impiegata tramite un'agenzia di somministrazione, racconta: "Ho provato più volte a contattare il referente della mia agenzia di lavoro per avere chiarimenti sul mio contratto e sulle mie buste ma ogni volta mi viene detto di chiamare il numero verde, di inviare una mail ma nessuno sembra essere in grado di rispondere alle mie domande specifiche. Mi sento completamente abbandonata".

Marco, 29 anni, condivide una situazione simile: "Sono stato rimbalzato da un operatore all'altro senza mai ottenere una risposta chiara. Sembra che l'unico scopo sia quello di prendere tempo senza risolvere i problemi dei lavoratori".

La Posizione dei Sindacati

UILTEMP, NIDIL  i principali sindacati che si occupano dei diritti dei lavoratori temporanei, denunciano questa mancanza di collaborazione come un grave problema.

"Le agenzie di somministrazione hanno il dovere di essere trasparenti e disponibili verso i propri lavoratori - afferma Erisildo Kurti di UILTEMP -. Non rispondere alle richieste di assistenza e rimandare costantemente ai numeri verdi è inaccettabile e mette in serio rischio i diritti dei lavoratori".

"Per noi funzionari la situazione non è molto diversa - afferma Sonia Della Pia di NIDIL -. Quando inviamo richieste di verifica per errori che riscontriamo in busta paga, inizia un balletto di passaggi tra sedi centrali e filiali di riferimento. Contenziosi che potrebbero essere risolti con un incontro nelle nostre sedi, davanti alla mancanza di risposta da parte delle agenzie, ci obbliga a passare le pratiche ai nostri legali convenzionati, la mancanza di un interlocutore diretto per le questioni vertenziali complica la nostra attività sindacale".

La Necessità di un Cambiamento

È evidente che è necessario un cambiamento significativo nel modo in cui queste agenzie operano. La trasparenza e la disponibilità devono diventare la norma, non l'eccezione. I lavoratori hanno il diritto di ricevere risposte chiare e tempestive e di non essere lasciati in balia di un sistema che li rende vulnerabili.
Le istituzioni e i sindacati devono lavorare insieme per garantire che le agenzie di somministrazione rispettino i propri obblighi e offrano un supporto reale ai lavoratori. Solo così sarà possibile uscire da questo limbo e assicurare che i diritti di tutti i lavoratori temporanei siano adeguatamente tutelati.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium