/ Eventi

Eventi | 26 febbraio 2024, 13:07

A Cherasco si parla di cibo e disturbi alimentari con la dottoressa Cloè Dalla Costa

L'incontro in municipio giovedì 7 marzo nell'ambito degli eventi in programma per la Giornata Internazionale della Donna

La dottoressa Cloè Dalla Costa, direttrice della struttura complessa di Nutrizione Clinica e Disturbi del Comportamento Alimentare dell’ospedale di Verduno (foto di Barbara Guazzone)

La dottoressa Cloè Dalla Costa, direttrice della struttura complessa di Nutrizione Clinica e Disturbi del Comportamento Alimentare dell’ospedale di Verduno (foto di Barbara Guazzone)

Indagare il nesso fra cibo e benessere nei diversi contesti di vita e momenti dell’esistenza: la Città delle Paci celebra l’8 marzo, Giornata internazionale della donna dando la parola, per una serata di conferenza, a un duo al femminile. 

Giovedì 7 marzo, dalle 20.45, nel salone consiliare del Municipio, la dottoressa Cloè Dalla Costa, direttrice della struttura complessa di Nutrizione clinica e disturbi del comportamento alimentare dell’ospedale di Verduno, toccherà temi di grande attualità legati all’universo del cibo, con il supporto della collega Anna Rovera, responsabile della progettazione per la Fondazione Ospedale Alba-Bra.

Diete, alimentazione sana nel contesto scolastico e in quello ospedaliero saranno oggetto di approfondimenti e discussione, assieme all’analisi delle patologie legate al rapporto con il cibo, vista l’imminenza della Giornata nazionale del fiocchetto lilla.

Quest’ultima ricorrenza, in programma il 15 marzo, è nata per sensibilizzare su malattie quali anoressia, bulimia e disturbo da alimentazione incontrollata. Alla conferenza seguirà un breve rinfresco per i presenti. 

Commentano le assessore Elisa Bottero e Agnese Dogliani e la consigliera comunale Lidia Fissore«Mangiare bene è la chiave del benessere e della longevità. Non solo è importante seguire un regime alimentare corretto, bilanciando i diversi apporti nutritivi: ogni fase dell’esistenza richiede alimenti differenti. Ci auguriamo che questo appuntamento, organizzato col patrocinio dell’Asl Cuneo 2, possa fornire spunti di riflessione utili all’intera comunità».

Nata in seno al movimento delle suffragette, l’antesignana dell’attuale Giornata internazionale della donna venne celebrata per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909. Nei decenni successivi l’appuntamento si diffuse in alcuni paesi anglosassoni, approdando in Italia (dove le donne votarono la prima volta soltanto nel 1946) nel 1922. Come confermato dall’Onu nel 1977, la riflessione sui temi legati alla discriminazione di genere è l’asse portante della ricorrenza, volta a facilitare la partecipazione attiva delle donne alla vita delle nazioni.

C. S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium