/ Attualità

Attualità | 15 giugno 2023, 17:24

Nuova legge sulle Province, Granda in Azione: "Bene il ritorno al voto diretto, ma serve chiarezza su competenze e risorse"

Danna, Molinari e Pellegrino: "Più degli aspetti elettorali e politici interessa sapere come i futuri enti potranno far fronte alle tante esigenze ogni giorno rappresentate a noi amministratori, in primis sulla manutenzione strade e sull'edilizia scolastica"

Da sinistra Danna, Molinari e Pellegrino

Da sinistra Danna, Molinari e Pellegrino

Riceviamo e pubblichiamo.

***

È in discussione al Senato la proposta di legge con cui il Parlamento intende portare a termine la riforma delle Province, superando così la (fallimentare) riforma Delrio del 2014. 

Diverse sono state le proposte di legge depositate, e da parte di quasi tutti i partiti componenti l'arco costituzionale, con l'obiettivo di tornare all'elezione diretta del presidente della Provincia e del Consiglio Provinciale, e anche di riformare la forma di governo dell'ente provincia mediante la reintroduzione delle Giunte Provinciali e l'aumento del numero dei consiglieri in base al numero degli abitanti.

Se questi aspetti, sui quali peraltro concordiamo, sono ben delineati nella bozza di proposta di legge depositata in Commissione Affari Costituzionali del Senato, più nebulosa appare, invece, la parte di provvedimento che riguarderà la futura modalità di finanziamento delle province e, in parte, anche le funzioni che saranno attribuite alle nuove province.

E' infatti prevista una delega al Governo affinché lo stesso adotti, entro 18 mesi dalla data di entrata in vigore della legge di riforma, uno o più decreti legislativi che definiranno tali aspetti nel dettaglio: tale decisione, se comprensibile da un punto di vista tecnico/normativo, arricchisce di un alone di incertezza la riforma in discussione, con il rischio molto concreto che si possa vedere avverata la trasformazione dell'ente, con le conseguenti elezioni a suffragio universale forse già nel 2024, ma senza che siano chiariti questi fondamentali aspetti.

Inutile dire che una riforma "monca" non gioverebbe né agli enti stessi, né, soprattutto, ai cittadini.

Riteniamo, infatti, che più degli aspetti elettorali e politici ai consociati interessi di sapere come le future province potranno far fronte alle tante esigenze del territorio che ogni giorno vengono rappresentate a noi amministratori: in primis, pensiamo alla manutenzione della rete viaria e dell'edilizia scolastica provinciale.

Confidiamo, quindi, che il Parlamento ed il Governo valutino con attenzione tale potenziale criticità ed auspichiamo che si possa giungere ad una riforma chiara, completa e ben strutturata, anche per non compiere di nuovo gli errori del recente passato.

Infine, vi è un'osservazione da muovere anche relativamente ad aspetti più prettamente elettorali.

Lo stesso discorso vale, infatti, anche per l'individuazione dei collegi plurinominali per l'elezione dei presidenti delle province e dei consigli provinciali: anche in questo caso la bozza di legge in esame al Senato prevede una delega al Governo affinché provveda con decreto legislativo entro 12 mesi dall'entrata in vigore della legge di riforma.

Pertanto, se si dovesse votare prima dell'emanazione di tale provvedimento dell'esecutivo, la circoscrizione elettorale sarebbe articolata in un unico collegio elettorale coincidente con il territorio della intera provincia: così prevede l'art. 11 del testo attualmente in esame.

Riteniamo che tale soluzione, seppur transitoria, rischierebbe di penalizzare maggiormente le aree periferiche e meno densamente popolate della nostra provincia in quanto avrebbero più difficoltà a ottenere rappresentanza in Consiglio Provinciale.

Anche in tal senso, quindi, auspichiamo che l'individuazione di collegi puntuali avvenga contestualmente all'entrata in vigore della futura legge di riforma, al fine di garantire tutti i territori nella futura governance provinciale.

I consiglieri provinciali di Granda in Azione

Pietro Danna

Annamaria Molinari

Vincenzo Pellegrino

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium