ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 16 marzo 2023, 06:55

Narzole prepara la gara d'appalto dell'asilo nido, opera da 1 milione e 200 mila euro

Mentre gli assessori dimissionari Andrea Proglio e Luana Taricco sono stati sostituiti da Ilario Taricco e Ivana Veronica Sartirano, la sindaca Paola Sguazzini annuncia i progetti per il 2023 e la chiusura di importanti lavori in corso

Paola Sguazzini, la sindaca di Narzole

Paola Sguazzini, la sindaca di Narzole

Forse due fulmini a ciel sereno. L’Amministrazione comunale di Narzole in pochi giorni ha vissuto un rimpasto di assessorati per le dimissioni di Andrea Proglio e di Luana Taricco, entrambi per scelte personali.

Al posto di Andrea Proglio, è stato nominato il 25enne Ilario Taricco, che è diventato assessore con deleghe a istruzione, servizi sociali, famiglia, assistenza e transizione digitale. L’assessorato al bilancio di Luana Taricco viene preso in carico dalla sindaca Paola Sguazzini, mentre le deleghe del primo cittadino sono state affidate alla 62enne Ivana Veronica Sartirano.

L’ex assessore Andrea Proglio ha scritto sul suo Facebook la motivazione che recita: «Alcune situazioni che si sono venute a creare non mi hanno più consentito di continuare il progetto intrapreso due anni fa con lo stesso entusiasmo» e poi ha ringraziato la popolazione e la giunta comunale, augurandone buon lavoro per il futuro del paese.

«Le motivazioni personali non si discutono
- afferma la sindaca Paola Sguazzini - e accettiamo la scelta di Andrea e Luana, anche se con rammarico. Mi dispiace che Proglio abbia perso l’entusiasmo necessario per proseguire nei suoi impegni comunali, sentimento che a noi non manca di certo. Prendiamo questo mini rimpasto come uno stimolo per continuare a fare per il paese. Ringrazio i due ex assessori per il lavoro svolto e auguro buon lavoro a Ilario Taricco, che ha preso le deleghe di Andrea Proglio e a Ivana Veronica Sartirano alla quale ho lasciato le mie relative a cultura, eventi e rapporto con le associazioni, prendendomi quelle di bilancio, tributi e edilizia privata».

Un Comune che va avanti, dove i progetti non mancano. Infatti è di questi giorni l’invio al Cuc di Bra della richiesta per l’apertura del bando relativo alla gara d’appalto per la costruzione ex novo dell’asilo nido che ospiterà circa 50 bambini. Un’opera che verrà terminata per la fine del 2025, dopo un investimento di circa 1 milione e 200 mila euro.

«Intanto stiamo terminando i lavori di ristrutturazione del salone comunale
- prosegue il primo cittadino -, che grazie al contributo della Fondazione Crc diventerà un centro di aggregazione per anziani. Abbiamo inaugurato il nuovo impianto della palestra per il risparmio energetico, andiamo avanti sull’impianto fotovoltaico per la scuola elementare ed è pronta la pista ciclabile in frazione Sant’Antonino. Non ultimi i lavori di messa in sicurezza della frana a Vergne, quasi terminati, e che includono il nuovo marciapiede che porterà dal concentrico al cimitero. Come vede l’entusiasmo non manca di certo».

Livio Oggero

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium