/ Attualità

Attualità | 21 luglio 2022, 12:33

Infermieristica torna ad Alba: il corso di laurea al via dall’anno accademico 2022/23

Per il primo anno la sede sarà presso la Casa della Salute, all’ex ospedale San Lazzaro, con tirocini al “Michele e Pietro Ferrero” a Verduno. Prove di ammissione a Novara il 15 settembre

Infermieristica torna ad Alba: il corso di laurea al via dall’anno accademico 2022/23

A partire dall’anno accademico 2022-2023 sarà nuovamente attiva ad Alba la sede del Corso di Laurea in infermieristica, un’ulteriore polo formativo della Scuola di Medicina del Piemonte Orientale (oltre a quelli già esistenti di Alessandria, Biella, Novara, Verbania, Vercelli) che offrirà all’Asl Cn2 la preziosa possibilità di attirare studenti residenti anche al di fuori del territorio albese e che, in prospettiva, si auspica potrà avere importanti ricadute in termini di personale a disposizione dell’Asl e del presidio “Michele e Pietro Ferrero” di Verduno.

La sede del Corso di Laurea sarà temporaneamente (per il primo anno di corso) la Casa della Salute di Alba; seguirà, poi, un trasferimento presso una sede messa a disposizione dal Comune di Alba, che ha in progetto il recupero di locali dedicati nel complesso della Maddalena, in via Vittorio Emanuele II.

Il corso di laurea in Infermieristica afferisce ai Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie ed è a numero programmato. I requisiti di accesso sono il possesso di un diploma di Scuola Media Superiore e il superamento di una prova di ammissione. Per l'Ateneo del Piemonte Orientale la prova di ammissione si terrà a Novara in via Perrone, 18 - giovedì 15 settembre, ma è possibile esprimere la preferenza per la sede di Alba.  Tutte le informazioni per l’iscrizione alla prova d’ammissione sono reperibili all’indirizzo scuolamed.uniupo.it.

La durata del corso di studi in infermieristica è di 3 anni. Le attività didattiche sono articolate in 180 CFU complessivi, di cui almeno 60 da acquisire in attività formative volte alla maturazione di specifiche capacità professionali. La didattica frontale occupa circa la metà dei crediti formativi totali, mentre la restante quota è assegnata a tirocini professionalizzanti, a sessioni di tutorato su discussione di casi e problem-solving, a laboratori didattici per l'apprendimento di abilità tecniche e relazionali, a seminari, allo studio guidato e alla produzione di report. Le sedi dei tirocini saranno l’ospedale “Michele e Pietro Ferrero” a Verduno, struttura di ultima generazione attiva dal 2019, ed altre strutture territoriali aziendali.

L’Asl Cn 2 è da sempre attenta alla formazione dei nuovi professionisti, anche grazie al sostegno della Fondazione Ospedale Alba-Bra Onlus, con iniziative come “Adotta un medico specializzando”.

Il direttore generale dell’Asl Cn2, Dott. Massimo Veglio: «Un altro fondamentale tassello per ampliare la comunità professionale attiva presso la nostra azienda e per estendere i servizi sia ospedalieri che territoriali. Ora occorre dare massimo risalto all’iniziativa in modo che i giovani vengano a conoscenza di questa nuova possibilità di formazione e di lavoro al servizio della comunità».

Il sindaco di Alba, Carlo Bo«E’ davvero una grande soddisfazione poter annunciare la riapertura del Corso di laurea già a partire dal prossimo anno accademico. Il percorso di studi è stato apprezzato e scelto sin dalla sua apertura. Sono certo che la nuova localizzazione nel centro storico sarà un ulteriore stimolo alle iscrizioni, mi auguro anche per tanti ragazzi del territorio che avranno sicuramente ottime possibilità non solo di lavorare, visto che è una professione molto richiesta, ma di farlo all’interno dell’ospedale di Verduno, con ricadute positive per la nostra zona».

C. S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium