/ Politica

Politica | 10 dicembre 2021, 10:51

Bacini idrici, Giorgio Bergesio: “Invasi fondamentali per fronteggiare cambiamenti climatici”

Lo ha affermato ieri mattina il Senatore cuneese Giorgio Maria Bergesio, nel corso del seminario “Cambiamenti climatici: il ruolo dei bacini idrici” a Cherasco

Bacini idrici, Giorgio Bergesio: “Invasi fondamentali per fronteggiare cambiamenti climatici”

Le istituzioni prendano atto del ruolo fondamentale degli invasi per fronteggiare le conseguenze dei cambiamenti climatici, che da un lato portano a lunghi periodi di siccità e dall’altro a fenomeni estremi come le alluvioni”.


Lo ha affermato ieri mattina il Senatore cuneese Giorgio Maria Bergesio, nel corso del seminario “Cambiamenti climatici: il ruolo dei bacini idrici”, promosso a Cherasco dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cuneo con il patrocinio di Fiopa.

“In materia di cambiamenti climatici e tutela della risorsa idrica, ho presentato emendamenti e approvato risoluzioni in Commissione Agricoltura”, ha aggiunto Bergesio.

Senza acqua non può esserci vita né agricoltura. In Italia l’85% delle colture agroalimentari è irriguo.

“La disponibilità della risorsa acqua è quindi essenziale per mantenere in vita il sistema agricolo, senza il quale è a rischio la competitività del made in Italy agroalimentare e la vitalità dei territori”, ha detto ancora il Senatore.

L’acqua, infatti, genera un quinto del Pil nazionale. Ma in Italia gli investimenti annui sulla rete idrica sono pari a 40 euro per abitante (30 al Sud), contro la media europea di 100 euro (siamo all’ultimo posto in Europa).

Bergesio ha proseguito: “Nell’ottica di una gestione sostenibile della risorsa acqua bisogna incentivare una gestione flessibile dei deflussi ecologici, incoraggiare l’evoluzione del comparto agricolo, ma soprattutto è di fondamentale importanza la realizzazione di invasi che consentano da un lato di fronteggiare l’indisponibilità delle risorse idriche e dall’altro tutelino il territorio in caso di eventi estremi, come le alluvioni che ormai sempre più frequentemente devastano la nostra Regione”.

“A questo proposito, da tempo, in Parlamento e in Commissione Agricoltura, chiedo una maggiore attenzione alla prevenzione, la difesa e la salvaguardia idraulica del suolo”, ha dichiarato il Senatore. E inoltre: “Come Parlamento puntiamo prima di tutto ad aumentare la capacità di immagazzinamento della risorsa (si stima che l’89% dell’acqua piovana annua non viene utilizzato ma lasciato fluire in mare) attraverso la realizzazione di una rete di piccoli-medi invasi con basso impatto paesaggistico da destinare ad uso plurimo, civile, irriguo, industriale, per la produzione di energia ed altro, in modo da contribuire alla riduzione del rischio idrogeologico e alla carenza della risorsa idrica e per scongiurare gli effetti disastrosi degli eventi alluvionali, con una ricaduta importante su ambiente e occupazione. Si tratta di progetti che potrebbero inoltre favorire la permanenza dei presidi umani e degli insediamenti produttivi nelle zone montane più marginali e a rischio spopolamento”.

Infine Bergesio ha concluso: “Anche alla luce del Pnrr, i prossimi anni saranno decisivi per un cambio di passo, non possiamo sprecare questa occasione”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium