ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 07 dicembre 2021, 11:05

Rsa "Ospedale di Cherasco": i lavoratori della cucina in sciopero

Proclamato per venerdì 10 dicembre dalla S.I. Cobas per avere risposte dalla Gesac, azienda che fornisce il servizio mensa agli ospiti della casa di riposo e agli alunni delle scuole di Narzole. Presidio alle ore 9.30 davanti al Comune

La protesta organizzata dai lavoratori della mensa nello scorso gennaio

La protesta organizzata dai lavoratori della mensa nello scorso gennaio

Richieste specifiche non ascoltate per tre lavoratori (una donna e due uomini iscritti al S.I. Cobas) del servizio cucina della casa di riposo “Ospedale di Cherasco” che, da marzo scorso, sono passati sotto la Gesac, che fornisce il servizio della mensa. E così la S.I. Cobas ha indetto lo sciopero per venerdì 10 dicembre dalle ore 9.30 davanti alla sede del Comune di Cherasco.

Secondo la sigla sindacale la decisione di esternalizzare il servizio, da parte dell’Ospedale – i cui membri del consiglio di amministrazione sono nominati dai Comuni di Cherasco e di Narzole, cui si aggiungono i “membri di diritto” delle rispettive Parrocchie –, sarebbe stata presa essenzialmente "per aumentare il numero dei pasti giornalieri da preparare, passati da circa 120 a circa 170, così da coprire il fabbisogno non solo degli ospiti della Rsa ma anche degli alunni delle scuole di Narzole".

Una scelta che ha portato ad un aumento di lavoro per i quattro dipendenti (uno è dipendente socio Gesac e non ha aderito) che, da anni, lavorano nella cucina. Ed ora la situazione non sembra essere più sostenibile, come sostiene il sindacalista Daniele Mallamaci della S.I. Cobas, sigla sindacale a cui da qualche tempo si appoggiano i lavoratori: «Come sindacato siamo stati praticamente costretti a proclamare lo sciopero perché l’azienda Gesac non permette gli ordinari incontri con noi e i lavoratori. Con questa azione vogliamo dare vicinanza e solidarietà ai nostri assistiti, per contrastare questa situazione di rappresaglia e grave sfruttamento.
La protesta è fatta per i lavoratori che sono consapevoli, nelle condizioni attuali, di non riuscire a dare un servizio di qualità per gli ospiti della Rsa e degli alunni. Il nostro sindacato è presente in diversi poli logistici della zona di Langhe e Roero, dove ci sono criticità che i lavoratori ci riportano, e il nostro intento è quello di far conoscere alla gente che dietro la ricchezza dei territori ci sono persone che lavorano in condizioni non accettabili per il benessere che producono».

«Si chiede un trattamento più consono al lavoro svolto, prosegue il sindacalista, perché certi diritti sono sacrosanti. Sia Gesac, che non risponde alle nostre richieste, che l’Ospedale di Cherasco, sono coinvolti perché nel loro rapporto di lavoro committente/appalto sono in stretta relazione, in una maschera giuridica che copre le criticità di mansioni dove il lavoro è aumentato ma non così gli strumenti per lavorare meglio: con lo stesso numero di dipendenti non si può affrontare un carico aumentato del 70/80%!».

A questo punto lo sciopero diventa la voce dei lavoratori: «Lo sciopero di venerdì, conclude Daniele Mallamaci, creerà problemi, e, se non avremo una risposta, andrà avanti almeno fino a lunedì 13 dicembre. Siamo determinati a sistemare questa situazione in cui i lavoratori sono anche costretti a svolgere mansioni extra contratto non riconosciute in busta paga, per non parlare del loro prezioso operato durante il periodo Covid, non premiato a livello economico dalla Gesac, ma solo dal premio “Cheraschese dell'anno 2020” che i dipendenti che hanno mansioni di cucina hanno giustamente restituito. Ovviamente la Gesac era impegnata a inviare numerose lettere di richiamo ingiustificate ed illegittime, già contestate dal sindacato.

A questa prima mobilitazione, tutti i lavoratori e le realtà solidali del territorio sono chiamati a partecipare attivamente: per sostenere concretamente la lotta dei lavoratori per ottenere il miglioramento delle loro condizioni di lavoro e di vita».

Livio Oggero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium