/ lavocedialba.it

lavocedialba.it | 08 ottobre 2021, 17:05

Femminicidio dell’Auchan: "Quando ha sparato Borgheresi capace di intendere e volere"

A stabilirlo la perizia psichiatrica effettuata su Francesco Borgheresi, reo confesso del delitto compiuto nel maggio scorso nel piazzale del supermercato cuneese. La sentenza è attesa per fine ottobre

Femminicidio dell’Auchan: "Quando ha sparato Borgheresi capace di intendere e volere"

Era capace di intendere e di volere quando, nel maggio 2020, nel parcheggio dell’ex Auchan, ha sparato e ucciso con quattro colpi di pistola Mihaela Apostolides, sua ex compagna. Attualmente sottoposto a regime cautelare in carcere a La Spezia, Francesco Borgheresi, reo confesso, è capace di stare in giudizio. A stabilirlo la perizia psichiatrica redatta dal perito medico legale Gabriele Rocca, nominato dalla difesa dell’uomo, imputato in Tribunale di Cuneo per omicidio aggravato dalla Legge del Codice Rosso, detenzione d’armi e porto illegale di arma da fuoco.

In sede di udienza preliminare il legale di Borgheresi, Beatrice Rinaudo, aveva infatti avanzato richiesta al giudice di fare accedere il proprio assistito a rito abbreviato condizionato a perizia psichiatrica e all’acquisizione della sentenza del caso Forteto. I pubblici ministeri titolari del fascicolo, Marinella Pittaluga e Alberto Braghin, e l’avvocato di parte civile, Alberto Crosetto, si erano opposti a tale richiesta, successivamente accolta dal Gup.

Il dispositivo del caso Forteto riguarda condanne per violenze a maltrattamenti di esponenti della comunità omonima di Vicchio, in provincia di Firenze. Qui Borgheresi, figlio di soci fondatori, visse fino ai 20 anni. Successivamente entrò poi a far parte di un’associazione di vittime della comunità.

Parte civile nel procedimento, le due sorelle di Mihaela Apostolides, difese dall’avvocato Alberto Crosetto: “L’esito della perizia era prevedibile – ha commentato il legale –. Il lasso di tempo intercorso tra la permanenza in comunità e l’omicidio non poteva far prevedere un nesso causale fra gli eventi”.

A fine ottobre il giudice Cristiana Gaveglio sarà chiamata a pronunciare la sentenza.

CharB.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium