/ Cronaca

Cronaca | 12 novembre 2020, 13:15

Manitalidea, la Finanza sequestra conti correnti, case e motociclette per 29 milioni. A Bra controllava la Olicar Gestione, poi fallita

Tra le ipotesi contestate anche il mancato pagamento ai lavoratori del bonus di 80 euro voluto dall'allora premier Renzi. Ma anche 25 milioni non versati al fisco e utilizzo di crediti d'imposta non dovuti

Immagine d''archivio

Immagine d''archivio

Sequestro di beni e denaro per oltre 29 milioni di euro. E' quello messo in atto dagli uomini della Guardia di Finanza al termine delle indagini condotte sulla vicenda di Manitalidea, società di Ivrea leader nella fornitura di servizi di facility management e consulenza gestionale (a Bra controllava la Olicar Gestione Srl, società nata nel 2017 per raccogliere le residue attività della Olicar Spa, poi fallita all'inizio di quest'anno) nel finita nei guai nei mesi scorsi, con gravi ripercussioni anche dal punto di vista occupazionale per molte persone.

Al temine dell'operazione denominata "Piazza pulita", le fiamme gialle hanno dato esecuzione al provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ivrea nei confronti degli ex rappresentanti legali della società. Tra le ipotesi contestate anche il mancato pagamento ai lavoratori del “bonus di 80 euro”, noto anche come “bonus Renzi”.

Le attività, coordinate dal procuratore della Repubblica di Ivrea, Giuseppe Ferrando, dirette dal sostituto procuratore Alessandro Gallo e condotte dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Torino, hanno avuto origine dalla denuncia degli ex rappresentanti legali della società per i reati tributari di omesso versamento di ritenute dovute o certificate e indebita compensazione dal 2016 al 2019, per un ammontare complessivo appunto superiore a 29 milioni di euro. Numerose (reiterate e persistenti) le irregolarità ipotizzate a carico degli indagati. 

Da un lato, sarebbero stati omessi per oltre 25 milioni di euro i versamenti dovuti al Fisco per le ritenute d'imposta operate dall'impresa sugli stipendi dei dipendenti e sui compensi dei professionisti, che il datore di lavoro effettua per conto del lavoratore. Dall'altro, per abbattere le somme dovute dall'impresa all'Erario, sarebbero anche stati utilizzati crediti d'imposta non spettanti o inesistenti, per oltre 4 milioni di euro. Le compensazioni sarebbero state effettuate facendo figurare crediti per attività di ricerca e sviluppo nel 2018 e 2019, senza poterne dimostrare la reale esecuzione, per quasi 3,5 milioni di euro.

Ma non solo: sarebbero state effettuate compensazioni d'imposta per oltre 650mila euro per l'inesistente erogazione degli 80 euro mensili del cosiddetto “Bonus Renzi” nella busta paga dei dipendenti, in mancanza dei relativi pagamenti.

Sono dunque scattati i sequestri: i finanzieri hanno infatti individuato e bloccato le disponibilità di un indagato su un conto corrente acceso presso un istituto di credito in Francia. Sequestrati anche 7 immobili nelle province di Torino, Napoli e Latina, quote di tre società con sede nelle province di Torino e Roma e cinque motociclette supersportive di valore.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium