/ Attualità

Attualità | 30 ottobre 2020, 15:34

Alba, tra i residenti 155 positivi e 17 ricoverati

Un solo paziente in terapia intensiva secondo il periodico aggiornamento fornito dal Comune. Il sindaco Bo: "Costante il confronto con l’Asl e le forze dell’ordine, secondo cui anche in questa nuova fase gli albesi stanno dando prova di grande responsabilità

Il sindaco Carlo Bo (foto di Barbara Guazzone)

Il sindaco Carlo Bo (foto di Barbara Guazzone)

Ad Alba i residenti attualmente positivi al Coronavirus sono 155, di cui 17 ricoverati (1 in terapia intensiva). I decessi di persone affette da Covid-19 da inizio pandemia sono 13, invariati dallo scorso 27 agosto, mentre i guariti da inizio pandemia sono 124.

Questi i numeri del consueto aggiornamento fornito dal Comune sulla diffusione del virus nella capitale delle Langhe.
 
“La mascherina e la distanza dalle altre persone sono le nostre uniche alleate in questo momento così difficile – dichiara il sindaco Carlo Bo -. Proseguono gli incontri periodici del Centro operativo comunale per affrontare di volta in volta le problematiche che si presentano in città così come continua il confronto con l’Asl Cn2 per gli aggiornamenti sul fronte sanitario e quello con le forze dell’ordine secondo cui gli albesi, anche in questa nuova fase, stanno dando prova di grande responsabilità”.
 
In tutto il Piemonte sono vietati gli spostamenti dalle 23 alle 5 del mattino dopo. Fanno eccezione comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e urgenza, motivi di salute oppure il rientro a casa o presso la propria dimora, che dovranno essere certificate con una autocertificazione scaricabile qui: modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf
 
Il Dpcm del 24 ottobre 2020 ribadisce l’obbligo sull'intero territorio nazionale di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all'aperto a eccezione dei casi in cui sia garantito, in modo continuativo, il distanziamento da persone non conviventi oltre all’obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, mentre raccomanda a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.
 
È obbligatorio nei locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.
 
Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento.

Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò; gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto; le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso; sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose; le sagre, le fiere di qualunque genere e gli altri analoghi eventi.
Sono sospesi i convegni, i congressi e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza; tutte le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e linee guida vigenti e in assenza di pubblico.

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. É consentita la ristorazione con consegna a domicilio e la ristorazione con asporto fino alle 23, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
 
In base agli ultimi Dpgr, nelle giornate di sabato e domenica è disposta la chiusura delle grandi strutture di vendita e dei centri commerciali, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari, di alimenti e prodotti per animali, di prodotti per l’igiene della casa e della persona, piante e fiori e relativi prodotti accessori, servizi alla persona, edicole e rivendite di monopoli, i pubblici esercizi, le stazioni di rifornimento carburanti, farmacie, parafarmacie, studi medici.

È possibile contattare il Dipartimento di prevenzione dell’Asl Cn2 telefonando allo 0173/316619 o scrivendo una mail a dipp.alba@aslcn2.it.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium