/ Al Direttore

Al Direttore | 22 giugno 2020, 08:00

Bra, "gli spazi ormai vuoti dell’ospedale per evitare di 'spezzare' le classi"

Una mamma braidese scrive al sindaco Fogliato e ai dirigenti dei due istituti comprensivi cittadini: "Al Santo Spirito ci sono sicuramente stanze molto ampie, che potrebbero contenere 24-25 bambini con tutte le distanze necessarie"

L'ospedale Santo Spirito di Bra (foto Barbara Guazzone)

L'ospedale Santo Spirito di Bra (foto Barbara Guazzone)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.


Egregi signori Sindaco e Dirigenti Scolastici,
mi permetto di scrivervi questa breve mail in quanto mamma preoccupata per il prossimo anno scolastico.
Ho saputo dalle insegnanti di mio figlio che, a settembre, l'anno scolastico dovrebbe riprendere con turnazioni di classi dimezzate.  

Comprendo benissimo la situazione di emergenza in cui ci troviamo. La "didattica a distanza" è stata una modalità didattica molto efficace, ma molto alienante.
Ora ci sono tre mesi di tempo prima della ripresa. Vi prego di vagliare tutte le possibili alternative per non arrivare ad avere un altro anno scolastico zoppo.

A Bra abbiamo un ospedale ormai quasi vuoto. Al suo interno ci sono sicuramente stanze molto ampie che potrebbero contenere 24-25 bambini con tutte le distanze necessarie.

I bambini sono quelli che hanno subito in silenzio tutta l'emergenza. Ora hanno bisogno di stare insieme. La scuola dev'essere soprattutto relazionale e non solo prestazionale.

Per cortesia, pensateci bene prima di spezzare le classi. Fate ripartire la scuola tutti insieme.

Ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione e speranzosa porgo i miei più cordiali saluti.

Lettera firmata,
Bra

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium