/ Cronaca

Cronaca | 24 gennaio 2020, 11:18

Gesto antisemita a Mondovì: stella di David e scritta "Juden Hier" sulla porta di casa del figlio di Lidia Rolfi

Episodio gravissimo in pieno centro cittadino: "contrassegnata" l'abitazione di Aldo Rolfi, la cui madre sopravvisse alla follia nazista dei campi di concentramento, scrivendo poi un libro in merito alla sua esperienza

Gesto antisemita a Mondovì: stella di David e scritta "Juden Hier" sulla porta di casa del figlio di Lidia Rolfi

A una manciata di ore dal Giorno della Memoria, in programma il prossimo 27 gennaio, la città di Mondovì si scopre teatro di un gravissimo episodio di natura antisemita: sulla porta di casa di Aldo Rolfi, figlio di Lidia, qualcuno ha disegnato la stella di David, accompagnata dalla scritta "Juden Hier" (dal tedesco: "Ebrei qui").

Quasi una sorta di ghettizzazione, di ostracismo, di ritorno a un passato ignobile, che l'Italia non vuole e non deve più rivivere. La vicenda è accaduta nella notte appena trascorsa nel centro storico di Breo, dove risiede l'uomo, che ha diffuso a mezzo social la fotografia che mostra l'inqualificabile gesto.

Intorno all'ora di pranzo è arrivata la reazione ufficiale del sindaco, che ha manifestato solidarietà alla famiglia Rolfi e alla comunità ebraica a nome dell'amministrazione e della cittadinanza (clicca qui per leggere l'articolo completo).

Lidia Rolfi, per quanti non ne fossero a conoscenza, fu deportata nel lager di Ravensbrück il 27 giugno 1944 in compagnia di altre 13 donne, dove rimase prigioniera sino al 26 aprile dell'anno successivo, riabbracciando poi la libertà nel mese di maggio. Un'esperienza che ha indubbiamente segnato l'esistenza della monregalese, che decise di raccontarla in un libro, al quale seguì un secondo volume, al cui interno descrisse il suo reinserimento sociale dopo il rientro dalla Germania.

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium