/ Cronaca

Cronaca | 14 giugno 2019, 16:12

Capotreno preso a calci e pugni dal passeggero senza biglietto sulla linea Torino-Alba

L'increscioso episodio alla stazione di Sommariva del Bosco, alla fermata della corsa serale per la capitale delle Langhe. L’uomo ha dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. Soppresso il convoglio, bus sostitutivo per la quarantina di passeggeri a bordo

L'aggressione mercoledì sera sulla linea Torino-Alba (foto di repertorio)

L'aggressione mercoledì sera sulla linea Torino-Alba (foto di repertorio)

Pugni e calci al capotreno da un giovane sorpreso a viaggiare senza biglietto. L’episodio – non il primo, purtroppo, su quella tratta – è accaduto mercoledì sera, 12 giugno, quando erano circa le 19, sul convoglio partito pochi minuti prima da Torino e diretto ad Alba.

"La Voce di Alba" e "Targato Cn" hanno raccolto il racconto di un testimone oculare, che ha assistito al grave fatto presso la stazione di Sommariva del Bosco.

"Per una coincidenza mi trovavo all’interno della stazione, affacciato ai binari, quando ho visto il capotreno scendere dal convoglio insieme a un ragazzo di colore, giovanissimo, poteva avere 18 anni, anche meno all'apparenza, corporatura normale. Il ragazzo mi è subito parso particolarmente nervoso. Sentendo i toni dei due e osservando i vestiti del capotreno ho immediatamente immaginato che i due potessero aver avuto una colluttazione già a bordo del convoglio. Non appena scesi a terra, dopo pochi secondi, il ragazzo ha aggredito l’uomo con almeno due schiaffi o pugni al volto, e anche calci, mi è parso. Il capotreno ha perso l’equilibrio ed è caduto lungo la massicciata che costeggia i binari, mentre il ragazzo ne ha approfittato per darsi alla fuga. L'uomo vittima dell'aggressione è stato soccorso da un’ambulanza della Croce Rossa sommarivese, che peraltro ha una propria sede proprio all’interno della stazione, e portato via, presumibilmente in ospedale per accertamenti, mentre sul posto sono giunti i Carabinieri della locale stazione, che si sono messi all’inseguimento del giovane e che, secondo quanto si è appreso sul posto qualche minuto più tardi, lo avrebbero anche acciuffato, mentre cercava di allontanarsi nelle campagne del paese".

La direzione regionale di Rete Ferroviaria Italiana conferma l’accaduto, aggiungendo che la corsa verso Alba è stata conseguentemente soppressa e che la quarantina di passeggeri a bordo in quel momento ha dovuto attendere di poter proseguire il viaggio tramite il bus sostitutivo intanto inviato sul posto.   

Maggiori dettagli circa l'identità dell'aggressore e i provvedimenti presi a suo carico sono attesi nelle prossime ore dal Comando provinciale dei Carabinieri.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium