/ Economia

Economia | 08 luglio 2024, 08:41

Cos'è il bushcraft e come iniziare: consigli essenziali per avventurarsi nella natura

Il bushcraft è un’attività interessante ma anche estremamente impegnativa. Mette a dura prova il corpo e lo spirito, rappresenta una continua sfida con se stessi e i propri limiti.

Cos'è il bushcraft e come iniziare: consigli essenziali per avventurarsi nella natura

Il bushcraft è un’attività interessante ma anche estremamente impegnativa. Mette a dura prova il corpo e lo spirito, rappresenta una continua sfida con se stessi e i propri limiti.

Ne parliamo in questa guida, in cui ne spieghiamo i fondamentali e forniremo consigli per praticarla al meglio. In chiusura,  suggeriremo l’equipaggiamento più adeguato e introdurremo Militaria, uno dei negozi più forniti.

Cos’è il bushcraft e perché praticarlo

Il bushcraft è l'arte di vivere e sopravvivere nella natura utilizzando tecniche primitive e risorse naturali. Combinando abilità come l'accensione del fuoco, la costruzione di rifugi, la raccolta e la purificazione dell'acqua, e la lavorazione del legno, il bushcraft permette di sviluppare una connessione profonda con l'ambiente circostante. Chi pratica il bushcraft impara a riconoscere piante e animali, a usare strumenti manuali come coltelli e seghe, e a creare utensili e oggetti utili da materiali grezzi.

Praticare il bushcraft ha numerosi benefici. Prima di tutto, promuove la consapevolezza ambientale e il rispetto per la natura, incoraggiando uno stile di vita sostenibile. Inoltre, sviluppa competenze pratiche e manuali che possono rivelarsi essenziali in situazioni di emergenza. Passare del tempo all'aperto, lontano dalle distrazioni tecnologiche, offre anche un'opportunità di rilassamento e di riduzione dello stress, migliorando il benessere mentale.

Il bushcraft non è solo una serie di tecniche di sopravvivenza, ma anche un modo per riscoprire antiche tradizioni e conoscenze che rischiano di andare perdute. Rafforza il legame con le nostre radici ancestrali e con l'ecosistema, promuovendo un equilibrio tra uomo e natura. Attraverso la pratica costante, il bushcraft aiuta a sviluppare una maggiore resilienza e autosufficienza, qualità preziose nella vita quotidiana.

Soprattutto, il bushcraft è adrenalinico. E’ una continua sfida con se stessi, è avventura allo stato puro. Come compagno e avversario in un tempo c’è lei, la natura.

Consigli generali per praticare il bushcraft

Il bushcraft, lo avrete capito, non è un’attività da prendere alla leggera. Da qui, la necessità di adottare un approccio intelligente e consapevole. Ciò significa prendere alcuni accorgimenti.

●       Prepararsi e pianificare. Prima di avventurarsi nella natura, è fondamentale avere una conoscenza adeguata del territorio e delle condizioni meteorologiche previste. E’ fondamentale portare con sé una mappa dettagliata, una bussola e, se possibile, un GPS per evitare di perdersi. Un altro consiglio consiste nell’informare sempre qualcuno del proprio itinerario e della durata prevista dell'escursione.

●       Conoscere le tecniche di sicurezza. Apprendere le tecniche basilari di primo soccorso e sapere come trattare ferite, ustioni e punture di insetti è assolutamente fondamentale per praticare il bushcraft in sicurezza.. E’ inoltre necessario imparare ad accendere un fuoco in modo sicuro, a costruire un riparo che possa proteggere dalle intemperie senza danneggiare l'ambiente circostante. È importante anche conoscere i segnali di ipotermia e disidratazione e come prevenirli. Sono tante le conoscenze da apprendere dunque il consiglio è di frequentare corsi e workshop ad hoc.

●       Rispettare per l'ambiente. L’imperativo è seguire sempre i principi Leave No Trace, che includono il trasporto di tutti i rifiuti fuori dal sito, l'uso di aree designate per accendere fuochi e la minimizzazione dell'impatto su flora e fauna locali. E’ bene evitare di raccogliere piante protette o compromettere gli habitat naturali. Le risorse naturali, poi, andrebbero utilizzato in modo sostenibile e limitato, utilizzando solo ciò che è strettamente necessario.

●       Equipaggiarsi adeguatamente. Chi pratica il bushcraft vive, per qualche tempo, allo “stato brado”, utilizzando tecniche tipiche del passato. Ciò non toglie, però, che debba equipaggiarsi al meglio. Ne parliamo nel prossimo paragrafo.

L’equipaggiamento per il bushcraft

La questione dell’equipaggiamento è fondamentale ma anche complessa. Sono tanti, infatti, gli strumenti di cui dotarsi. Ecco i più importanti.

●       Coltello a lama fissa. Robusto e affidabile, ideale per intagliare legno, preparare cibo e altre attività di sopravvivenza. La lama fissa offre maggiore stabilità rispetto a un coltello pieghevole.

●       Accetta o sega pieghevoli. Utensili versatili per tagliare legna e costruire rifugi. La sega pieghevole è leggera e facile da trasportare, mentre l'accetta è più adatta a lavori pesanti.

●       Acciarino o firesteel. Strumento indispensabile per accendere un fuoco anche in condizioni di umidità. Produce scintille ad alta temperatura, garantendo l'accensione di esche naturali o artificiali.

●       Cordino in paracord. Corda resistente e multifunzionale, utile per costruire rifugi, riparare attrezzature, creare trappole o corde per appendere cibo lontano dagli animali.

●       Kit di primo soccorso. Contiene materiali essenziali per trattare ferite, tagli, punture e altre emergenze mediche. Include bende, disinfettanti, pinzette e medicinali di base.

●       Borsa o zaino resistente. Progettato per sopportare condizioni difficili, con spazio sufficiente per trasportare attrezzature, cibo e acqua. Spallacci imbottiti e supporto lombare garantiscono comfort durante lunghe escursioni.

A questo punto una domanda sorge spontanea: dove acquistarli? Il consiglio è di puntare ai negozi specializzati in accessori militari. Infatti, buona parte di questi strumenti sono utilizzati correntemente dai soldati. Il negozio più fornito, in questo specifico segmento, è Militaria.

Buona parte dei suoi prodotti sono originali, nel senso che sono realmente in uso dalle forze armate. Sullo sfondo, un approccio alle consegne intelligente e comodo, che si pone dalla parte dei clienti.

 

Richy Garino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium