/ Attualità

Attualità | 09 febbraio 2024, 19:12

Pedaggio sulla tratta albese dell’Asti-Cuneo, Chiara Gribaudo: "Sul free-flow assordante silenzio di Cirio e Salvini"

La deputata dem prende posizione sull’entrata in funzione, annunciata dal 1° marzo, delle porte automatiche di esazione sulla tangenziale di Alba

Pedaggio sulla tratta albese dell’Asti-Cuneo, Chiara Gribaudo: "Sul free-flow assordante silenzio di Cirio e Salvini"

Annunciata dal portale dell’autostrada e dalle scritte luminose presenti lungo la tratta, l’entrata in funzione delle porte automatiche di esazione installate lungo la tratta astigiana e albese dell’A33 Asti-Cuneo è attesa per il prossimo 1° marzo. Una scadenza che, nell’attesa di più precisi dettagli operativi da parte della concessionaria, si prepara a diventare terreno di scontro politico visto il duro intervento diffuso in serata dalla deputata democratica cuneese Chiara Gribaudo. Lo riportiamo a seguire. 

***

"Sulla annosa vicenda dell’autostrada Asti-Cuneo si aggiunge un nuovo triste capitolo che vede vittime ancora una volta i cittadini cuneesi e astigiani. La nuova tariffa 'free flow', una realtà controversa e molto contestata dove già esiste, altro non è che una nuova tassa che fa pagare come autostrada due tratti di tangenziale (quella astigiana e quella albese) realizzate con denaro pubblico e da sempre gratuite.

Giustamente i cittadini, i lavoratori, gli imprenditori, protestano e minacciano di tornare a usare le vecchie strade statali con evidenti conseguenze sull’ambiente e sulla vita dei paesi di quelle tratte. Chi non si è fatto sentire in questi giorni?  Sono mancate solo le voci del presidente Cirio e del ministro Salvini, che a novembre si erano affrettati a tagliar nastri e promettere - nella perplessità generale - che i lavori per il completamento dell’autostrada saranno ultimati entro il 2024 ma che, ancora una volta, di fronte a un problema di loro competenza preferiscono rimanere silenti e dedicarsi alle polemiche su Sanremo piuttosto che ai problemi dei cittadini.

Le autostrade come le tratte ferroviarie. Proprio nei giorni scorsi denunciavamo l’aumento delle tariffe dei biglietti e degli abbonamenti per le ferrovie piemontesi e oggi questa nuova tegola sulla nostra testa: aumenti dei costi senza miglioramento dei servizi. Il contrario di quel che dovrebbe succedere".

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium