/ Attualità

Attualità | 27 settembre 2023, 10:26

L'addio di Santa Vittoria d'Alba a Jie Hu, il commerciante gentile che donò le mascherine in pandemia

Il commerciante 35enne di origine cinese è morto nel tentativo di salvare il suo negozio dal rogo doloso. Da 9 anni gestiva l'Ipershop Expresse di Monticello d'Alba con la moglie Suyan. La cerimonia funebre giovedì 28 settembre nella sala del commiato dell'ospedale di Verduno

Jie Hu, conosciuto come Davide, è morto nel tentativo di salvare il suo negozio dal rogo

Jie Hu, conosciuto come Davide, è morto nel tentativo di salvare il suo negozio dal rogo

 

Sarà celebrata domani, giovedì 28 settembre alle 14.30 presso il 'Giardino degli abbracci e del commiato' dell'ospedale di Verduno, la funzione funebre di Jie Hu, morto nel tentativo di salvare il suo negozio dal rogo.

L'uomo, di origine cinese, aveva solo 35 anni e da 9 gestiva l'Ipershop Expresse di Monticello d'Alba con la moglie Suyan, rimasta intossicata nell'incendio del 19 settembre scorso. Un rogo doloso che sarebbe stato appiccato da Batashka Stanka, cittadina bulgara di 35 anni, nel tentativo di distrarre i titolari dell'esercizio commerciale per appropriarsi dell'incasso. La donna è stata arrestata dai carabinieri di Canelli.

Jie Hu si era scelto “Davide” come nome italiano ed era molto conosciuto e apprezzato nella comunità del Roero.

Come conferma il sindaco di Santa Vittoria d'Alba Giacomo Badellino, la famiglia Hu era molto riservata ma davvero ben integrata: “Gran lavoratori. Io li conoscevo perchè alcune volte andavo a comprare nel loro negozio. Davide era un uomo gentile e non si meritava di certo la fine che ha fatto. Per rimarcare la generosità di questo nostro concittadino voglio ricordare che all'inizio della pandemia lui aveva trovato le 'introvabili' mascherine e non aveva esitato a donarle al Comune, in modo da poterle distribuire a tutti. L'amministrazione comunale tutta si stringe al dolore della famiglia”.

Addolorato anche il sindaco di Monticello d’Alba Silvio Artusio Comba che, all'indomani della tragedia ci aveva detto: "Conoscevo la coppia, persone molto riservate, grandi lavoratori, dediti a tempo pieno alla gestione della loro attività e che non hanno mai dato alcun tipo di preoccupazione in paese" .

Oltre alla moglie Suyan, Jie Hu lascia i tre figli Huiru, Junyi e Junhao che vivevano gran parte dell'anno con i nonni in Cina, il papà Shibiao, la mamma Yuee, le sorelle Xiongfang, Fangmei e Shifang.

La salma di Jie Hu verrà cremata a Bra e le sue ceneri riposeranno nel cimitero di Santa Vittoria d'Alba. Come riporta il manifesto funebre la famiglia ringrazia “di cuore tutti coloro che sono stati d'aiuto e conforto in questo drammatico momento”.

Cristina Mazzariello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium