/ Agricoltura

Agricoltura | 28 marzo 2023, 10:22

Nella notte passata picchi di meno 4 gradi, danni in fase di verifica per la frutticoltura

A segnalarlo è Cia Cuneo con Maurizio Ribotta, responsabile provinciale della consulenza tecnica: “Al momento si possono ipotizzare alcuni danni sulle drupacee, in particolare pesco, susino e albicocco"

Nella notte passata picchi di meno 4 gradi, danni in fase di verifica per la frutticoltura

Le impetuose raffiche di vento che si sono sviluppate lungo le zone alpine e di pianura della provincia di Cuneo nella giornata di ieri - lunedì 27 marzo - hanno avuto la conseguenza, nella notte con martedì 28, di abbassare le temperature di molti gradi rispetto a quelle decisamente primaverili dei giorni precedenti. Raggiungendo, in alcune zone, picchi anche di meno 4 gradi. Cosa vuol dire per le piante da frutto della “Granda” già avanti nella fioritura?

Risponde Cia Cuneo con Maurizio Ribotta, responsabile provinciale della consulenza tecnica in campo dell’organizzazione agricola: “Al momento si possono ipotizzare alcuni danni sulle drupacee, in particolare pesco, susino e albicocco, in alcune aree del territorio provinciale. Il comparto tecnico della Cia li sta verificando, insieme a un attento monitoraggio dell’evolversi della situazione”.

E’ un fenomeno che si sta manifestando da qualche anno? “Purtroppo i cambiamenti climatici che portano a inverni sempre più caldi creano degli anticipi vegetativi e, quindi, nel caso di ritorni di freddo ci sono degli aumentati rischi di danni sulle colture frutticole. Come è già accaduto negli anni passati. Ci auguriamo che questa volta i problemi siano contenuti”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium