/ Attualità

Attualità | 04 marzo 2023, 09:16

Generazione WOW, Ristoratori “meravigliosi”

L’effetto WOW lo troviamo nella collaborazione, complicità e fiducia che, nel tempo, finisce per essere un fattore moltiplicatore del successo economico di tutti

Generazione WOW, Ristoratori “meravigliosi”

Un grande imprenditore e comunicatore del Cuneese, Michele Ferrero, un giorno interrogò i suoi collaboratori: "Sapete perché ai bambini piacciono tanto le uova di Pasqua?”. Non solo perché sono di cioccolata. “Perché hanno le sorprese dentro!”. E poi, cosa fece? Inventò la Pasqua per tutti i giorni dando vita ai famosi ovetti Kinder.

Quando una persona, una novità o un’idea ci fanno restare a bocca aperta con la stessa intensità di chi ha appena aperto il suo uovo magico, scatta il “fattore meraviglia” che – pur non contenendo tracce di collagene – è senza età. Perché tutti siamo affamati di stupore e di magia (parola di Fata!).

Proprio come fece Ferrero creando un prodotto di uso quotidiano, e alla portata di tutti, in grado di unire gusto e sorpresa, esiste un’economia dei “sogni possibili” che si nutre del business dell’inatteso. È chiamata comunemente “effetto WOW”, cioè quell’elemento sorprendente che scatena il fattore meraviglia.

E la meraviglia è stata considerata storicamente come un aspetto fondamentale dell’essere umano in quanto migliore amica della curiosità, del desiderio di scoprire cose nuove, della voglia di crescere e migliorare.

Generazione WOW nasce di qui: da quel senso di stupore e d’inquietudine che bussa alla porta delle persone quando - soddisfatte le necessità materiali - si interrogano sulla propria esistenza in relazione al mondo. A un mondo a cui regalare il proprio “autografo di meraviglia”.

Pensiamo, per esempio, alle cene “a quattro mani”. Quelle serate collaborative tra chef che generano momenti entusiasmanti – oltre che di cucina d’autore – di confronto, scambio e sinergia tra professionisti. Che, spesso, sfociano in esperienze di sharing-economy, più che di semplice convivialità. Se poi le mani diventano otto, venti, trenta… il menù dell’occasione serve in tavola una portata di valore assoluto: la coscienza di impersonare esperienze di imprese e di territori differenti.

E’ il caso di ciò che sta accadendo tra qualche “manciata” di ristoratori del Braidese uniti a colleghi di Venezia, Trento e Pordenone. Una squadra “diffusa”, unita da un grande desiderio: la fame di nuove competenze da spendere nelle rispettive zone turistiche per portare un valore aggiunto alla loro landa, o città, di appartenenza. Una partita in cui, i chilometri di distanza, diventano un’occasione di confronto per il reciproco miglioramento.

E’ evidente che, il fabbisogno formativo di questa ambientazione – sicuramente resa possibile dalla modalità digitale - porta ad andare oltre le dinamiche di cibo e servizio, animando un vero e proprio brainstorming gastro-economico.

Perché formare il proprio personale al vocabolario inglese legato all’accoglienza e all’informazione turistica, ai fondamentali di marketing e storytelling per trasformare il contatto con il cliente – spesso turista – in un’esperienza di gusto, così come alle nuove tecniche di “ristorazione relazionale”, può creare un puzzle di singole crescite in grado di raffrescare, nell’insieme, l’immagine e il posizionamento competitivo di una città e di un territorio.

Affrontare il tema dell’esperienza del cliente (la celebratissima “customer experience”), infatti, non è più solo una questione di marketing per attrarre turisti, ma intavola una sfida strategica che chiama a rapporto gli investimenti e gli incentivi pubblici con gli investimenti privati diffusi, pena l’affievolirsi progressivo dello spirito imprenditoriale. E del fattore meraviglia.

L’asse ristorazione Bra-Venezia - reso possibile dal Piano Nazionale finanziato dal Fondo Interprofessionale For.Te. su iniziativa del Gruppo Ascom Bra tramite l'agenzia formativa Ascom Form – è riuscito a smuovere le zolle di questa “rigenerazione”: fornire strumenti e occasioni per alimentare la propensione collettiva privata a investire sul proprio territorio, valorizzando le performance di ogni attività (qui, ristorativo-recettiva) per stimolare altre ad accodarsi, in una sorta di effetto camaleonte virtuoso.

Dove sta, dunque, l’effetto WOW?

Nella collaborazione, complicità e fiducia che, nel tempo, finisce per essere un fattore moltiplicatore del successo economico di tutti.

L’obiettivo formativo a lungo termine, infatti, non è soltanto tecnico, ma consiste nel far percepire agli operatori economici che la collaborazione è un ingrediente imprescindibile per qualunque ricetta economica, esattamente come fantasia e sinergia rappresentano entità quantitative nella crescita di impresa e di territorio.

Nel menù, allora, non facciamoci mai mancare una bella manciata di creatività collaborante. E un sorriso come esclamativo.

 

Renata Cantamessa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium