/ Attualità

Attualità | 10 dicembre 2022, 07:38

Start up, in Piemonte la pandemia non ha spaventato le buone idee, ma le ha rese fragili: "Hanno poco tempo per dimostrare di valere"

Il report del Comitato Torino Finanza mostra fatturati in forte crescita, ma la sopravvivenza scende da 4,2 a 1,9 anni

Start up, in Piemonte la pandemia non ha spaventato le buone idee, ma le ha rese fragili: "Hanno poco tempo per dimostrare di valere"

La pandemia non ha fermato le buone idee, ne ha visto - anzi - migliorare i risultati, ma le ha scoperte più fragili rispetto al passato. Lo testimoniano i numeri dell'Osservatorio del Comitato Torino Finanza della Camera di commercio di Torino, che pur contando 790 realtà sul territorio, vede l'indice di sopravvivenza scendere da quasi 4 anni e mezzo a meno di due. "Colpa" di una quantità di capitale troppo bassa e che dà un tempo ristretto agli imprenditori e ai loro collaboratori per dimostrare la validità della loro idea. 

In Piemonte si contano 790 start up, pari al 5,4% del totale nazionale. Anche se il peso economico della regione è pari all'8% del PIL nazionale. 

In Piemonte il volume della produzione del sistema delle startup innovative passa in 4 anni da 6 a 46 milioni di euro, la crescita annuale è del 66%, il che significa che il sistema raddoppia ogni 22 mesi. Ma la strada per l’indipendenza finanziaria è in salita. Infatti il 42% delle startup create sei anni fa in Piemonte non esiste più. È un dato purtroppo diffuso perché, anche a livello nazionale, la media è  del 41%. 

Negli ultimi 4 anni l’indice di “sopravvivenza garantita” delle startup piemontesi passa da 4,3 anni (pari alla media di sistema) ad appena 1,9 anni: hanno cioè meno di due anni per dimostrare di produrre beni e servizi appetibili per il mercato dei clienti o per gli investitori.

"Dal rapporto emerge un sistema regionale che cresce, ma con una dotazione di capitale che dà un tempo ristretto agli imprenditori e ai loro collaboratori per dimostrare la correttezza del concetto alla base della proposta di innovazione - dice Vladimiro Rambaldi, Presidente del Comitato Torino Finanza della Camera di commercio di Torino - In generale le strategie di incentivazione e di finanziamento (agevolato) dovrebbero essere selettive, per fornire non già una dotazione parzialmente sufficiente a molti, ma una dotazione decisamente sufficiente alle startup più meritevoli, in quanto il rischio di liquidazione precoce per mancanza di tempo riguarda tutte queste imprese”.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium