/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2022, 08:07

Applausi a Rio de Janeiro per la musica del compositore albese Paolo Paglia

Prima mondiale della Fast Suite n. 2 per orchestra, dedicata al maestro Ernani Henrique Chaves Aguiar

Applausi a Rio de Janeiro per la musica del compositore albese Paolo Paglia

Gioia per il musicista albese Paolo Paglia. Domenica 4 dicembre, a Rio de Janeiro (Brasile), è stata eseguita in prima mondiale assoluta la Fast Suite n. 2 per orchestra, dedicata al maestro Ernani Henrique Chaves Aguiar.

Questo lavoro di Paolo Paglia segue la Fast Suite n. 1, eseguita tre anni fa dalla Camerata Sesi, anch’essa per Aguiar, noto compositore, strumentista e direttore brasiliano, sicuramente una delle figure più importanti a livello mondiale in questo tipo di arte. L’esecuzione è stata salutata da lunghi e calorosi applausi.

"Si tratta - spiega il maestro Paolo Paglia di un giro attorno il mondo, in quanto le danze che formano la suite e succedono una Ouverture sono caratteristiche di alcuni paesi come la Russia, l’Arabia, l’Irlanda, gli Stati Uniti d’America e l’Italia".

Nel frattempo, anche il professor Giovanni Scarpa, insegnante presso l’Istituto musicale Marco Polo di Venezia, ha visionato per una prossima e ventura esecuzione le due Suite. Queste composizioni, infatti, sono pensate ed elaborate sia per un’esecuzione da parte di orchestra formata da professionisti sia da orchestre composte da allievi dei corsi avanzati delle scuole musicali. Entrambi i lavori sono editi da Armelin editore in Padova, che ha creato i presupposti per le esecuzioni e la divulgazione delle musiche firmate dal musicista albese.

Una biografia straordinaria accompagna Paolo Paglia. Compositore, direttore d’orchestra, ma anche divulgatore e scrittore. La sua esperienza personale è un esempio intellettualmente stimolante: "Penso che ognuno di noi, nei momenti di difficoltà, riesca a recuperare delle risorse che non pensa assolutamente di avere. Ciò ti porta a pensare che il profondo sentire di cui hanno sempre parlato i filosofi greci, non solo esiste, ma dobbiamo fermarci non più ad ascoltare, ma sentire con il profondo dell’anima".

Le composizioni di Paolo Paglia vantano numerose esecuzioni in tutto il mondo, dalla Repubblica Ceca, all’Australia, dagli Stati Uniti, alla Germania, all’Austria, alla Francia e nei maggiori festival italiani. What else?

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium