/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2022, 13:43

La donna stuprata al parco fluviale di Cuneo alla Polizia: "Prendetelo" [VIDEO]

Il responsabile è stato individuato in circa 24 ore. Appostamenti e pedinamenti per cinque giorni, fino all'arresto di sabato 17 settembre. Il responsabile si trova in carcere. Il procuratore capo Dodero: "Dall'interrogatorio non è uscita una smentita dei fatti acclarati, acquisiti e inseriti nel fascicolo di indagine"

La donna stuprata al parco fluviale di Cuneo alla Polizia: "Prendetelo" [VIDEO]

Lo stupro lo scorso 11 settembre, di domenica, verso le 18, al Parco fluviale di Cuneo, nella zona verso l'ex Nuvolari. Vittima una pensionata ultrasettantenne di Cuneo, a spasso con il suo cane.

La dottoressa Mariella Faraco, responsabile Sezione “Reati contro la persona, sessuali e in danno dei minori” della squadra mobile della Questura, è stata una delle prime persone con cui la donna ha parlato dopo la violenza, quando ancora era in ospedale. "E' forte e risoluta. E ci ha detto: Prendetelo"

L'arresto del presunto responsabile sei giorni dopo, sabato 17 settembre. Nessuna resistenza, nessuna reazione, come se la cosa non stesse accadendo a lui. Poi la convalida della misura cautelare, a seguito dell'interrogatorio di garanzia, avvenuto lo scorso 20 settembre.

E proprio nel corso dell'interrogatorio l'indagato ha dichiarato al giudice che al momento dei fatti era in stato ebbrezza alcolica e che, in conseguenza di tale condizione, non ricorderebbe quanto accaduto. Non sarebbe dunque in grado né di confermare, né di negare i fatti che gli vengono addebitati.

Oggi la conferenza in Procura, voluto dal procuratore capo Onelio Dodero. Necessaria per dare una risposta alla città in merito ad un episodio che ha destato grande allarme sociale e per spiegare quali siano state le circostanze che hanno permesso di indirizzare i sospetti, nel giro di 24 ore, su un operaio 40enne dell'Est Europa residente a Borgo San Giuseppe. 

L'uomo, di cui non sono stati forniti ulteriori dettagli, come ha evidenziato il procuratore, "è regolare, lavora ed è inserito nel tessuto sociale. Perché il crimine è democratico, chiunque può commettere un reato".

Ancora: "Con questa conferenza vogliamo dare un segnale alla città e trasmettere un messaggio di sicurezza. Non sempre si può prevenire un crimine, ancor più se si tratta di qualcosa di episodico, seppur gravissimo. Ma le forze dell'ordine hanno dato il massimo e la fiducia nel loro operato deve essere massima allo stesso modo. Abbiamo raccolto, a carico dell'arrestato, elementi che ci confortano e grazie ai quali è stata emessa l'ordinanza di custodia cautelare. In 24 ore avevamo individuato il soggetto e, da allora fino all'arresto, non è mai stato perso di vista".

"Sì, no, ma...": così Dodero riassume quanto dichiarato dall'arrestato. Non ricorderebbe nulla, a quanto dice il suo legale. Comunque, "dall'interrogatorio non è uscita una smentita dei fatti acclarati, acquisiti e inseriti nel fascicolo di indagine".

Le sue parole in conferenza stampa:

Telecamere e tracce biologiche. Sono questi alcuni degli elementi che hanno consentito di individuare il soggetto. 

E' il dirigente della Mobile Giancarlo Floris a spiegare alcuni passaggi delle indagini

 

Un grazie anche da parte del questore Nicola Parisi, non solo alla Mobile ma anche alle Volanti, immediatamente intervenute sul posto. "Più alto è il livello di vita di una città, maggiore è il senso di insicurezza percepito. La risposta data dalla Polizia a questo episodio dimostra che le forze dell'ordine ci sono e agiscono tempestivamente".

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium