/ Attualità

Attualità | 04 marzo 2022, 14:55

Oscar Farinetti dialoga con gli studenti dell'Alberghiero di Mondovì: "Bisogna sempre dare fiducia" [VIDEO]

Il patron di Eataly e Fontanafredda, intervistato da Elio Parola di Open Baladin Cuneo per i cinquant'anni dell'istituto, ha regalato a tutti una mattinata colma di riflessioni non solo sulla cucina

Oscar Farinetti

Oscar Farinetti

Mangiare, amare, studiare, lavorare e sognare. Queste sono le attività che scandiscono la vita dell'essere umano e, mentre le prime due sono comuni anche ad altri esseri viventi, le altre tre appartengono solo agli uomini. 

Così ha spiegato Oscar Farinetti, patron di Eataly, agli studenti delle classi quinte dell'Istituto Alberghiero "Giolitti" di Mondovì, in occasione di una lezione-intervista organizzata nell'ambito dei 50 anni di fondazione della scuola. 

“Cos’è la ristorazione oggi?” - questa la prima domanda che Elio Parola di Open Baladin Cuneo, ed ex studente dell'Alberghiero monregalese, ha posto a Farinett i che, schietto, ha risposto: “Siete una generazione figa voi che in questo momento avete tra i 18 e i 20 anni. Sapete perché? Perché siete nati nella merda, scusate la parolaccia, ma è così. Siete la prima generazione dopo anni che non ha un futuro certo è che deve davvero rimboccarsi le maniche”.

Nessun consiglio, se non quello di “agire con la propria testa”.

“Vi consegniamo un futuro disastroso, sarebbe da ipocriti pretendere di darvi anche dei consigli” - ha proseguito Farinetti - “al giorno d’oggi bisogna avere il coraggio di dire e opporsi al ‘è complicato’, c’è bisogno di semplificare. Coraggio di dire per rilanciare la creatività”.

Farinetti ha poi sottolineato l’importanza di studiare per il proprio futuro, puntando ai veri valori che devono caratterizzare la figura dell’oste. “Pensare locale e agire globale, esattamente contro le previsioni del grande marketing,”- ha aggiunto Farinetti - “rispettando tutte le tradizioni e facendo conoscere le nostre peculiarità, ma per fare questo bisogna muoversi. Basta essere pigri, rimandare, trovare scuse. Noi abbiamo un grande tesoro che è la biodiversità, dobbiamo farci conoscere e condividere. No agli atteggiamenti sovranisti e all'invidia, questi sono atteggiamenti che nascono dall'ignoranza. Bisogna informarsi, leggere, studiare. I giovani devono andare in questa direzione. Un paese che non legge non ha futuro". 

Sul dare fiducia ai giovani, Farinetti afferma: "La fiducia bisogna darla sempre, e non è scontato, perché gli italiani tendono a non fidarsi degli altri: questo è un sentimento straordinario, è la capacità di gestire l'imperfezione. Dobbiamo risollevarci da questo momento di sfiducia globale". 

La mattinata è stata aperta delle istituzioni territoriali con la presentazione del corso di laurea triennale in Mediazione linguistica, specializzazione Lingue per il commercio internazionale, il turismo e l’enogastronomi, a cura di Antonio Colombo Magnifico Rettore dell'Istituto Universitario Carolina Albasio di Castellanza.

"La nostra è una scuola aperta al mondo" - ha commentato la dirigente, Donatella Garello -"votata anche alla solidarietà, e guardiamo al futuro con fiducia nei nostri ragazzi la scuola deve essere soprattutto un luogo di incontro".

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium