/ Economia

Economia | 10 febbraio 2022, 12:52

“Proposte irricevibili”: manutentori Alstom bloccano straordinari e flessibilità

Continua la mobilitazione dei dipendenti Engie, società che ha in gestione l’appalto per conto della multinazionale francese a Savigliano. Dopo l’incontro con l’azienda è stato approvato in assemblea lo stato di agitazione

“Proposte irricevibili”: manutentori Alstom bloccano straordinari e flessibilità

“Irricevibili, insoddisfacenti, impraticabili e provocatorie”.

Con queste parole gli addetti alla manutenzione della Engie - società che ha in gestione l’appalto per conto della multinazionale francese di 47 siti Alstom in tutta Europa – motivano l’apertura dello stato di agitazione.

L’iniziativa arriva a seguito dell’incontro con l’azienda dopo diversi giorni consecutivi di blocco delle attività nelle scorse settimane. Sciopero che aveva coinvolto circa venti lavoratori.

Prima di questa iniziativa, alla fine del 2021,  i lavoratori Engie di Savigliano erano saliti sulle barricate in quanto aleggiava la possibilità di un mancato rinnovo dell’appalto. Situazione poi rientrata vista la proroga e il mantenimento dell’organico attuale. 

Ma, come ha spiegato nei giorni Paolo Giordanendo, Rsu Uilm all’Alstom di Savigliano: “L’azienda dopo il rinnovo ha avanzato la proposta di lavorare il sabato con retribuzione ordinaria e non straordinaria. Questo per avere margini di guadagno più accettabili.”

Spiegando che: “non vi è l’esigenza di chiedere ulteriori sacrifici a chi si è visto in questi anni di cambi appalto con almeno quattro nuovi datori di lavoro con riduzioni continue salariali e sacrifici di varia natura”.

Quei giorni di sciopero consecutivi hanno portato a un nuovo incontro con Engie che però non ha soddisfatto i lavoratori sia per quanto riguarda la parte economica che per l'incremento dell'organico di lavoro.

Con queste motivazioni nell'assemblea, che si è tenuta ieri, mercoledì 9 febbraio, è stato proclmato lo stato di agitazione con il blocco degli straordinari e delle flessibilità con la sola eccezione per le reperibilità per la messa in sicurezza degli impianti.

“Riteniamo ingrato e ingeneroso – scrivono i lavoratori in una nota della Uilm – questo trattamento nei confronti di chi in questi tre anni di contratto in Engie ha generato ricchezza per la società.”

Respinta la proposta dell’azienda, l’iniziativa sindacale sarà protratta fino a nuova comunicazione.

 

Daniele Caponnetto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium