/ Attualità

Attualità | 25 novembre 2021, 13:25

Complesso Brasport, il Comune al lavoro per cercare un acquirente e valutare l’acquisto

La struttura, che ospita diverse società sportive, è ora nelle mani di un curatore fallimentare. Al momento nessun acquirente si è presentato alle aste per la sua vendita. L’assessore Messa: "Stiamo compiendo tutte le valutazioni necessarie"

Il complesso sportivo di via Gabotto

Il complesso sportivo di via Gabotto

Il complesso Brasport di via Gabotto (nel quartiere Oltre ferrovia) comprende due campi da pallavolo, una pista di atletica, un campo da calcetto e uno da hockey e spazi per la ginnastica. Inaugurata nel 2009, dopo il palazzetto dello sport è la struttura più grande della città, utilizzata dal Comune anche per diverse iniziative.

La sua situazione attuale resta però incerta, ma il Comune è non intenzionato ad abbandonarla a sé stessa, come ci spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Luciano Messa: "Brasport è di proprietà di una società in fallimento, per cui ora è subentrato un curatore fallimentare. Si sono tenute alcune aste per la sua vendita, senza però trovare nessun acquirente interessato. Vogliamo dunque trovare un proprietario che la possa acquistare e sviluppare. Allo stesso tempo, per intervenire come Amministrazione, era necessario inserire la voce nel piano triennale recentemente approvato, in cui abbiamo destinato 300mila euro per l’eventuale acquisto. Ma una decisione in merito comunque non è stata ancora presa: al momento c’è solo l’intenzione di capire le sue potenzialità e caratteristiche e gli interventi necessari, interfacciandosi con il curatore per una valutazione complessiva".

Gli fa eco l’assessore allo Sport Daniele Demaria: "La struttura è fondamentale per la nostra città, che al momento conta più di 60 associazioni sportive. Attualmente abbiamo stipulato una convenzione con gli attuali affittuari, la Libellula Volley, per sostenere la gestione e renderla disponibile ad altre società. Il Comune la guarda con attenzione, tenendo le antenne dritte sugli sviluppi futuri, ma non c’è ancora nulla di concreto. Siamo consci infatti che non possiamo perderla, che sia in gestione pubblica o privata".

Tra gli eventi che nel corso degli anni sono stati allestiti nel complesso ricordiamo il Musical sulla vita di San Giovanni Bosco, i concerti dell’Orchestra Bagutti e Casadei e lo spettacolo "In fuga dal Senato" di Dario Fo che nel febbraio 2014 registrò il tutto esaurito.

Luca Sottimano

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium