/ Cronaca

Cronaca | 05 ottobre 2021, 19:06

Vecchi buoni postali: il tribunale di Asti condanna di nuovo Poste Italiane al rimborso di oltre 77mila euro

Terza ordinanza astigiana in pochi mesi, che dà ragione questa volta a una risparmiatrice albese. Era intestataria di sei buoni postali serie “Q/P”, emessi tra l’8 agosto del 1986 e il 23 novembre del 1988

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Il tribunale di Asti, per la terza volta nel giro di una manciata di mesi, ha nuovamente dato ragione a una risparmiatrice, questa volta dell'Albese, intestataria di sei buoni postali serie “Q/P”, emessi tra l’8 agosto del 1986 e il 23 novembre del 1988. 

Con un'ordinanza, firmata dal giudice Marco Bottallo, Poste è stata condannata a risarcirla per oltre 77mila euro.

Il decreto Goria     

La serie di cui era intestataria la donna fu colpita dal decreto Goria del giugno 1986. Con questo decreto, infatti, il Governo aveva previsto come dovuti gli interessi per i primi venti anni di validità del titolo, ma non per gli ultimi dieci, riducendo così di molto i guadagni.

Con quel decreto erano stati introdotti i buoni fruttiferi postali della serie Q. La serie “P” poteva ancora essere utilizzata, ma gli uffici postali dovevano inserire la dicitura “Q/P” nella parte anteriore del buono e, sul retro, modificarne il rendimento attraverso un timbro. I buoni di moltissimi italiani non erano stati modificati sul retro, ma solo sulla parte anteriore.

La donna - assistita dall’avvocato braidese Alberto Rizzo e dal legale torinese Fabio Scarmozzino - è riuscita a farsi riconoscere il diritto al rimborso. L’ordinanza è stata emessa nel giro di pochi mesi, dopo lo svolgimento di una sola udienza.

È fondamentale che ogni persona in possesso di un buono postale emesso dopo il giugno del 1986 lo faccia esaminare – puntualizza l'avvocato braidese Alberto Rizzo, che, insieme al torinese Fabio Scarmozzino ha assistito la risparmiatrice - per capire se ha diritto a ricevere un importo maggiore rispetto a quanto determinato da Poste. E questo anche se il buono è già stato incassato, purché non siano passati più di dieci anni".

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium