Eventi - 08 giugno 2023, 07:44

Il FAI da trent'anni ci fa innamorare della Granda: un weekend di eventi a Cuneo

Sabato un convegno e poi due spettacoli con i Tableaux Vivants nella Chiesa di Santa Croce per festeggiare il trentennale della delegazione provinciale. Possibilità di visitare e scoprire i segreti di tanti luoghi del capoluogo anche domenica

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Chi sa che il teatro Toselli è ricavato da un'antica chiesa? Chi sa che la chiesa tardo gotica della Confraternita di Santa Croce rappresentava il nucleo religioso del complesso ospedaliero, sorto sin dal XIV secolo, nell’isolato urbano a ridosso della Porta di San Francesco?

Questo e tanto altro sarà possibile conoscerlo e scoprirlo nel weekend del 10 e 11 giugno: due giorni di festa e cultura dedicati ai 30 anni del Fai di Cuneo.

Il Fondo Ambiente Italiano, nato nel 1975, da 48 anni si impegna ogni giorno per proteggere la bellezza del nostro Paese e per raccontarla agli italiani. L'Italia vanta un incommensurabile numero di bellezze artistiche, architettoniche e naturali e il FAI è nato con la lungimiranza di proteggere e promuovere anche e soprattutto il patrimonio "minore".

Un'azione sussidiaria potentissima al fianco dello Stato per tutelare e valorizzare l'immenso patrimonio che abbiamo. Sono 300 mila i soci in Italia, in continua crescita. Perché è in continua crescita la consapevolezza di quanto questa Fondazione abbia fatto e continui a fare per proteggere e valorizzare la bellezza che ci circonda. 

La delegazione di Cuneo è nata nel 1993 e il prossimo weekend festeggerà i suoi primi 30 anni. Con il traguardo, tra l'altro, dei 2000 soci, praticamente raddoppiati negli ultimi cinque anni.

Una frase racchiude il senso del FAI: "si protegge ciò che si ama e si ama ciò che si conosce". Scopo della Fondazione è diffondere la conoscenza perché si diffonda la cultura del rispetto e della tutela del patrimonio in cui siamo immersi, spesso senza averne consapevolezza. 

Roberto Audisio, architetto capodelegazione provinciale, evidenzia come la sensibilità verso questi temi sia in crescita, anche grazie al Fai, che parte dai più giovani, gli apprendisti ciceroni.

E' lui a spiegare e ricordare cosa ha fatto il Fai di Cuneo in questi anni: "Il traguardo più importante è stato quello di aver diffuso e fatto crescere la consapevolezza di vivere in un territorio ricchissimo di arte e bellezza. Siamo ormai riconosciuti come un ente a cui far riferimento, il più importante nella riablitazione del patrimonio artistico e naturalistico. Abbiamo anche realizzato cose concrete. Penso al restauro di una tela nella cattedrale di Alba o della statua del Cristo di Plura nella chiesa della Confraternita, particolarmente amata dai saviglianesi". 

Audisio non può non ricordare il grande riconoscimento nazionale ottenuto nel 2020 dalla Ferrovia delle Meraviglie, la Cuneo-Nizza, luogo del cuore del FAI con oltre 70mila voti. Un premio di 50mila euro che servirà per la realizzazione di un docufilm emozionale e immersivo, per raccontare la ferrovia, la sua storia, la sua gente e il suo territorio. "Una vittoria che ha mostrato il grande affetto dei cuneesi per questo gioiello. Speriamo di riuscire a realizzare e presentare al più presto questo video", sottolinea.

Quanto al prossimo weekend, sarà denso di eventi. Sabato si partirà alle 10 con un incontro presso lo Spazio incontri della Fondazione CRC in via Roma 15, alla presenza anche dei rappresentanti nazionali del Fai e dei capi delegazione delle altre province piemontesi.

"Sarà una festa di piazze e di luoghi, aperti per l'occasione. Si potrà visitare, con la guida dei nostri giovani ciceroni, il teatro Toselli, di cui verranno svelati i segreti, le aree non accessibili al pubblico, il dietro le quinte; ancora, il Palazzo municipale, Casa Galimberti, che dopo la visita di Mattarella sta finalmente ricevendo una maggiore attenzione; poi il Museo civico, la Chiesa di Santa Croce e San Francesco. La vera chicca nel pomeriggio, alle 18 e poi alle 21, con il momento di gala, quando proprio nella cornice barocca di Santa Croce vedremo uno spettacolo unico: l'esibizione di otto giovani, i Tableaux Vivants, che daranno vita ai quadri di Caravaggio con i loro corpi e con semplici drappi", spiega ancora Audisio, che non nasconde la grande soddisfazione per ciò che in questi 30 anni la delegazione cuneese ha realizzato, diventando punto di riferimento per tutti coloro che hanno a cuore le bellezze della provincia.

I TABLEAUX VIVANTS

 

"Una sfida non semplice. C'era tanta diffidenza all'inizio. Oltre alla scarsa consapevolezza di avere un patrimonio artistico importante e che meritava di essere conosciuto e valorizzato. Ora sono le persone che ci contattano per chiederci quando avranno l'occasione di vedere luoghi e monumenti. Perché la bellezza va protetta ma, come dice proprio il motto della fondatrice del FAI Giulia Maria Crespi, bisogna prima conoscerla".

 

Il PROGRAMMA DELLA DUE GIORNI DEL TRENTENNALE DEL FAI DI CUNEO

Sabato 10 giugno 2023

Ore 10:00 Incontro “30 anni con il FAI a Cuneo”: Insieme alle delegazioni piemontesi, autorità FAI e personalità della provincia si dialoga sui traguardi raggiunti, sul valore del patrimonio in provincia, sul paesaggio agricolo e le sue eccellenze, sulla montagna, sui progetti per il futuro.
- Spazio Incontri Fondazione CRC, via Roma 15. Ingresso fino a esaurimento posti.

Dalle 10:00 alle 18:00 – Porte aperte di:
- Museo Casa Galimberti (ore 15:00 – 18:00) in collaborazione con Museo Casa Galimberti
- Confraternita di Santa Croce (ore 10:00-12:00 e 14:00-16:00) in collaborazione con Diocesi di Cuneo e di Fossano
- Teatro Toselli (ore 10:00-12:00 e 14:00-16:00) in collaborazione con Fond. Piemonte dal Vivo accompagnati dagli Apprendisti Ciceroni® e dai narratori del FAI Giovani Cuneo.

Contributo minimo suggerito: 1 luogo €. 5,00 – 3 luoghi €. 10,00
Iscritti FAI: 1 luogo €. 3,00 – 3 luoghi €. 6,00.
Contributo non richiesto per i nuovi iscritti FAI in loco

Ore 10:00 Passeggiata gourmet. Un vero e proprio tour nel centro storico di Cuneo (durata 1h 30’ ca.), accompagnati dalle guide turistiche di “Cuneo Alps”, in un contesto storico e artistico sempre diverso e senza eguali per capire l’evoluzione della città che prende il nome dalla sua forma, con il piacere di scoprire le curiosità sulle origini e sull’espansione grazie all’incremento dell’artigianato e del commercio, favoriti dalla sua posizione sulle importanti vie di comunicazione con la vicina Francia. Osservando gli edifici con occhi nuovi si potrà leggere lo stratificarsi della storia, in un susseguirsi di particolari che spesso sfuggono all’occhio distratto della vita quotidiana: dalle istituzioni religiose come l’antica chiesa di Santa Maria del Bosco e la parrocchia di Santa Maria della Pieve (già chiesa dei Gesuiti), ai grandi complessi barocchi militari e conventuali, dalle confraternite di Santa Croce e San Sebastiano ai palazzi nobiliari più importanti. A fine passeggiata un meritato aperitivo gourmet con prodotti locali e
materie prime di qualità: i salumi e i formaggi tipici e la degustazione della “pala” accompagnati alla birra artigianale Baladin, protagonisti di un territorio con le sue tradizioni, profumi e sapori.
- partenza da banco FAI in piazza Galimberti 6 (Ingresso Casa Galimberti) in collaborazione con Confartigianato Cuneo, Creatori di Eccellenze e Cônitours
Contributo minimo suggerito: €. 20,00, iscritti FAI: €. 15,00

Ore 18:00 Rappresentazione teatrale “Tableaux Vivants da Caravaggio” – Confraternita di Santa Croce, via F.lli Vaschetto, in collaborazione con Diocesi di Cuneo e di Fossano
Contributo minimo suggerito: €. 20,00, iscritti FAI: €. 15,00
Contributo non richiesto per i nuovi iscritti FAI in loco

Ore 21:00 Serata di gala “30 anni con il FAI a Cuneo”
Rappresentazione teatrale “Tableaux Vivants da Caravaggio” – Confraternita di Santa
Croce, via F.lli Vaschetto, in collaborazione con Diocesi di Cuneo e di Fossano
Contributo minimo suggerito: €. 20,00, iscritti FAI: €. 15,00
Contributo non richiesto per i nuovi iscritti FAI in loco

Domenica 11 giugno 2023

Dalle 10:00 alle 18:00 – Porte aperte di:
- Museo Casa Galimberti (ore 10:00-12:30 e 15:00-18:00) in collaborazione con Museo Casa Galimberti
- Palazzo Comunale, ex Collegio dei Gesuiti (ore 10:00 – 12:00 e 14:30 – 18:00)
- Confraternita di Santa Croce (ore 10:00-12:00 e 14:00-16:00) in collaborazione con Diocesi di Cuneo e di Fossano
- Complesso monumentale di San Francesco – Museo Civico (ore 10:00-12:30 e 15:00-18:00) in collaborazione con Museo Civico di Cuneo e La Maison de la Danse
accompagnati dagli Apprendisti Ciceroni® e dai narratori del FAI Giovani Cuneo.
Contributo minimo suggerito: 1 luogo €. 5,00 – 4 luoghi €. 15,00
Iscritti FAI: 1 luogo €. 3,00 – 4 luoghi €. 10,00
Contributo non richiesto per i nuovi iscritti FAI in loco

Ore 10:00 Passeggiata gourmet. Un vero e proprio tour nel centro storico di Cuneo (durata 1h 30’ ca.), accompagnati dalle guide turistiche di “Cuneo Alps”, con lo stesso itinerario del giorno precedente.
- partenza da banco FAI in piazza Galimberti 6 (Ingresso Casa Galimberti) in collaborazione con Confartigianato Cuneo, Creatori di Eccellenze e Cônitours
Contributo minimo suggerito: €. 20,00, iscritti FAI: €. 15,00

Barbara Simonelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

SU