Attualità - 21 gennaio 2023, 08:44

AAA pediatri cercansi: anche la Granda nella morsa della 'desertificazione sanitaria'

I dati del Ministero della Salute e di 'Cittadinanzattiva' fotografano situazioni complesse in 39 province italiane. La Granda è prima in Piemonte per quantità di ginecologi ospedalieri

Foto da Pixabay

Foto da Pixabay

I dati – rilasciati dal Ministero della Salute e facenti riferimento al 2020 (e quindi, potenzialmente, ‘al rialzo’) - parlano chiaro: per quantità di pediatri la provincia Granda è la sesta peggiore in Italia, con un medico ogni 1.331 bambini quando secondo normativa dovrebbe essercene uno ogni 800.

Si tratta soltanto di uno dei campanelli di allarme di una realtà, quella della ‘desertificazione sanitaria’, che investe l’intero paese e che sta mettendo in estrema sofferenza – secondo ‘Cittadinanzattiva’, che ha analizzato i dati del Ministero in un incontro recentemente tenutosi a Roma, nella sala rappresentanza in Italia della Commissione Europea - soprattutto 39 delle province italiane. Una situazione che minaccia di rallentare soltanto grazie alle riforme previste dai progetti e finanziate dai fondi PNRR.

La Granda prima in Piemonte per quantità di ginecologi ospedalieri

Ma la Granda la fa da padrone in altre voci della classifica stilata da ‘Cittadinanzattiva’, come la presenza di medici di famiglia (uno ogni 1.339 pazienti, terzo posto in Piemonte), la quantità di cardiologi ospedalieri (uno ogni 8.078, quinto posto in regione) e di farmacisti ospedalieri (uno ogni 36.632, sesto posto in regione).

Dove però il cuneese guadagna la cima della classifica regionale è però nei ginecologi ospedalieri, che sono uno ogni 4.196 pazienti.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU