/ Politica

Politica | 27 maggio 2024, 12:55

Ghisolfi in Regione, Moratti in Europa, Cirio: "Con loro la competenza torna protagonista, a Torino e a Bruxelles"

Ghisolfi in Regione, Moratti in Europa, Cirio: "Con loro la competenza torna protagonista, a Torino e a Bruxelles"

Partecipata riunione nella sala conferenze del Castello di Grinzane Cavour, domenica pomeriggio, con il Professor Beppe Ghisolfi, candidato al Consiglio regionale del Piemonte nella lista civica "Cirio Presidente", e con la Dirigente d'azienda Letizia Moratti, che concorre al Parlamento europeo con il leader di FI e vicepremier Antonio Tajani

Al convegno è intervenuto con il proprio messaggio augurale conclusivo il Presidente della Regione Alberto Cirio, il quale ha ribadito la propria gratitudine a Beppe Ghisolfi per avere accettato la candidatura nella lista civica che porta il nome dello stesso Governatore piemontese, e ha salutato con favore il ritorno "a una visione della politica basata sul valore della professionalità e dell'esperienza" dopo gli anni e i danni del populismo

È un autentico "Risorgimento delle competenze" quello che si è celebrato nel cuore della Langa Unesco nelle terre di Camillo Cavour.

Nel castello che ha contribuito alla Storia e all'unificazione dell'Italia, si è svolto domenica pomeriggio un dialogo ideale e concreto fra la Regione Piemonte e la futura Europa, con la provincia di Cuneo nel centro (moderato) e nel cuore (istituzionale): nello specifico, fra il Professor Beppe Ghisolfi, candidato al Consiglio regionale del Piemonte nella lista civica "Cirio Presidente" per il collegio elettorale proporzionale della provincia di Cuneo; e la Dirigente d'azienda Letizia Moratti, che corre per il Parlamento europeo nelle file di Forza Italia assieme al Ministro degli esteri Antonio Tajani.

Entrambi hanno caratterizzato ai massimi e più prestigiosi livelli la conferenza appositamente svoltasi nel Castello di Grinzane Cavour e organizzata con l'ausilio dell'imprenditore e mecenate Luca Baravalle.

Beppe Ghisolfi, quarant'anni di ininterrotta attività nella comunicazione giornalistica (in prima fila, l'editore di Telecupole Pier Maria Toselli) e nel settore bancario a livelli di rappresentanza prima nazionali e oggi mondiali; e Letizia Moratti, un excursus da Presidente della Rai, vertice di Ubi Banca, vicepresidente della Regione Lombardia, Ministro dell'istruzione e dell'università, Sindaco di Milano, ruoli in molti dei quali si è distinta per essere stata la prima donna a ricoprire tali incarichi.

"Sono lieto di essere qui con voi in questa giornata domenicale - ha esordito Ghisolfi - e con Letizia Moratti, la cui prestigiosa biografia ho avuto il piacere di pubblicare nel mio libro "Banchieri" nel 2018. Sta tornando la consapevolezza di affidare nuovamente la gestione pubblica e l'attività politica a persone che dimostrino di essersi prima di tutto qualificate per il raggiungimento di traguardi lavorativi e professionali. La politica non deve rappresentare la sola voce nel curriculum di un candidato, eppure moltissimi di coloro che aspirano a un posto o a un ruolo pubblico, dalla Regione all'Europa, sembrano aver fatto finora solo questo".

"Per questo motivo - ha proseguito Ghisolfi - sono grato al Presidente Alberto Cirio di avere pensato a me nella formazione della lista civica che porta il suo nome, la lista Cirio Presidente, in un contesto dove vige il sistema proporzionale con il voto di preferenza per il quale si dovrà mettere una croce su tale lista e scrivere accanto il cognome "Ghisolfi". Sono altresì onorato di avere oggi accanto a me una personalità del pregio e autorevolezza di Letizia Moratti, alla quale auguro una splendida elezione al Parlamento europeo e di diventare successivamente la prima donna Presidente della Repubblica".

Un plauso ampiamente corrisposto dalla Moratti stessa: "In quanto residente fuori dal Piemonte, non posso purtroppo votare in provincia di Cuneo, ma stimo l'amico Beppe Ghisolfi e pertanto ribadisco qui che lo appoggio moralmente alle elezioni regionali piemontesi. Il rapporto della Regione con l'Unione europea sarà di vitale importanza, poiché le direttive e i regolamenti UE incidono nella misura dell'ottanta per cento sulla legislazione statale e regionale vigente in Italia".

"Occorre essere presenti a Bruxelles e portare avanti i legittimi interessi della nostra industria automobilistica ed edilizia e le richieste sacrosante dei ceti medi lavorativi e professionali, perché solo così riusciremo a rafforzare i consumi interni, compensando il rischio di cali nell'export, e a salvaguardare i nostri sistemi pensionistici e sanitari che è nostro dovere morale proteggere perché sono un vanto dell'Europa post bellica", ha poi precisato Moratti.

"Con Beppe Ghisolfi nel Consiglio regionale del Piemonte e con Letizia Moratti nel Parlamento europeo, la competenza torna di nuovo graditissima protagonista - ha sottolineato il Governatore Cirio nel proprio intervento conclusivo - Il Piemonte sta tornando a sorridere nei propri numeri economici e sociali, ma non dobbiamo abbassare il livello dell'attenzione, così come dobbiamo favorire la rinnovata partecipazione dei cittadini al voto e al processo elettorale. Per questo occorre, alla Regione così come al Parlamento europeo, mettere in campo le risorse e le personalità migliori: dall'amico Beppe Ghisolfi, che ha accettato di correre per il Consiglio regionale nella lista che porta il mio nome; a Letizia Moratti, che concorre al Parlamento della UE assieme ad Antonio Tajani e all'imprenditore Paolo Damilano".

Informazione politico elettorale

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium