/ Politica

Politica | 23 maggio 2024, 16:45

L’albese Ivano Martinetti (M5S): "Dal mio lavoro in Regione frutti concreti per il rilancio della canapa agroindustriale"

Il candidato del Movimento 5 Stelle cerca la conferma a Palazzo Lascaris. "Straordinario risultato quello di fare approvare dai banchi dell’opposizione e all'unanimità una normativa a sostegno di questa coltura, antica vocazione del nostro territorio"

Albese, classe 1966, dopo l'elezione nel 2019 Ivano Martinetti è nuovamente candidato al Consiglio regionale per il Movimento 5 Stelle

Albese, classe 1966, dopo l'elezione nel 2019 Ivano Martinetti è nuovamente candidato al Consiglio regionale per il Movimento 5 Stelle

Albese, classe 1966, consigliere regionale uscente dopo aver fatto parte del Consiglio comunale della capitale delle Langhe dal 2014 al 2019, Ivano Martinetti è candidato alle elezioni regionali dell’8 e 9 giugno prossimi. Con l'imminente tornata elettorale punta quindi a una rielezione volta a proseguire quanto di buono fatto in questi ultimi cinque anni, a partire dalla normativa con la quale il Piemonte è tornato a sostenere una coltura che era andata persa.  

 

Una legge regionale, i biscotti, l’impegno in aula e il contatto con gli agricoltori…. . Ci spiega il suo lavoro portato avanti per il settore della canapa agroindustriale?

"Nasce da una constatazione: è assolutamente necessario restituire dignità a questa antica vocazione del nostro territorio. Il Piemonte per decenni è stato terra di canapa. Pensiamo alla varietà 'Carmagnola', all’origine del nome Canavese che molti associano alla produzione canapicola. Aggiungo un numero, impressionante. Fino al 1940, in Italia, si contavano quasi 100 mila ettari coltivati a canapa industriale, eravamo il secondo maggior produttore al mondo, dietro solo all’Unione Sovietica. Poi le cose sono cambiate, soprattutto con l’avvento della plastica. Oggi assistiamo A una riscoperta, in particolare a partire dal 2016 con l’approvazione di una norma nazionale che ha consentito la coltivazione per usi diversi da quello farmaceutico, con Thc inferiore o uguale allo 0,2 per cento. Dunque non parliamo di utilizzi ricreativi, ma di tutto il resto".  

 

Quali vantaggi presenta la coltura della Canapa?

"La filiera della canapa è sostenibile, presenta limitate ricadute sull’ambiente, inoltre necessita di poca acqua. E’ stato dimostrato che la canapa può assorbire grandi quantità di polveri sottili e può essere impiegata per risanare terreni contaminati. Gli utilizzi sono i più svariati: alimentare, cosmetico, fitoterapico, tessile e bioedilizia. Una pianta dai mille usi, della quale non si butta via niente".

 

E in Piemonte?

"Il Piemonte, con la storia che ha, non poteva restare a guardare. Per questo motivo ho presentato una proposta di legge, approdata in Consiglio regionale e divenuta legge della nostra Regione nel maggio 2021 con voto unanime dell’aula. Un lavoro paziente, portato avanti con la collaborazione E il supporto degli agricoltori e di associazioni che riuniscono i produttori. Un risultato straordinario, soprattutto se pensiamo che è stato raggiunto partendo dai banchi dell’opposizione".

 

Cosa prevede la legge piemontese?

"Gli obiettivi principali riguardano: il raccordo delle filiere territoriali locali, il sostegno all’attività di sementiera, la meccanizzazione delle fasi di coltivazione, la raccolta, movimentazione e stoccaggio, la tracciabilità dei prodotti, l’anagrafica dei produttori e molti altri aspetti utili al comparto. Con questa legge la Regione Piemonte si impegna a dare un concreto sostegno alla filiera della canapa industriale, fino ad arrivare alla possibile e auspicata creazione di un distretto canapicolo". 

 

Cosa resta da fare?

"Serve un regolamento per attuare la legge regionale che attendiamo da più di tre anni, servono risorse maggiori per sostenere una coltura sostenibile e in linea con gli obiettivi di transizione agroecologica fissati dall’Europa. Serve, insomma, una chiara volontà politica a investire nel settore. E’ il mio obiettivo, che porto avanti, ogni giorno. E in questo periodo anche con preziosi alleati, gli ottimi biscotti di canapa e nocciole al 100% piemontesi che sto distribuendo ai banchetti. Prodotto gustoso e genuino, che sta ottenendo un ottimo gradimento".

Informazione politica elettorale

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium