/ Attualità

Attualità | 30 marzo 2024, 15:26

Nel Roero la tradizione del suono delle conchiglie ha ammaliato i presenti [Foto e Video]

Oggi a mezzogiorno da Guarene, Castagnito, Castellinaldo d’Alba, Magliano Alfieri e Vezza d’Alba i suoni cupi e profondi delle 'Charonie Nodifera'

Nel Roero la tradizione del suono delle conchiglie ha ammaliato i presenti [Foto e Video]

Nemmeno la minaccia della pioggia ha scoraggiato i suonatori roerini, che alle 12 in punto hanno fatto risuonare i suoni cupi delle conchiglie dai punti più alti di Castagnito, Guarene, Magliano Alfieri, Castellinaldo d’Alba e Vezza d’Alba. Il rito, tradizione recentemente riscoperta, si perpetua ogni anno il Sabato Santo, in omaggio alla tradizione che voleva le campane tacere e le conchiglie annunciare il mezzogiorno.

Dal giovedì santo alla domenica di Pasqua infatti le campane delle Chiese suonano "mute" in segno di lutto per la Passione di Cristo, e per questo motivo nasce la tradizione di soffiare dentro a grandi conchiglie forate per produrre un suono profondo, simile a quello di un corno e capace di percorrere grandi distanze, per sostituire il rintocco delle campane.

Spettacolari gli scenari da cui i tanti suonatori hanno perpetrato anche oggi l’ormai tradizionale evento: in particolare i campanili delle chiese sono stati il palco di alcuni temerari suonatori.

Presso la biblioteca “G.Ferrero” di Guarene, gli esperti Costantino Marco e Burzio Franco hanno raccontato origini e storie legate al rito.

La tradizione e i suoni

 

 

Silvano Bertaina

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium