/ Cronaca

Cronaca | 01 marzo 2024, 16:18

Raggira una coppia di anziani e si fa consegnare 4 mila euro: arrestato dai carabinieri di Borgo San Dalmazzo

Individuati e deferiti in stato di libertà altri presunti autori di tre truffe: si tratta di cinque persone, tre uomini e due donne, tutti di origine campana

Raggira una coppia di anziani e si fa consegnare 4 mila euro: arrestato dai carabinieri di Borgo San Dalmazzo

Lo scorso 20 febbraio, a Caraglio, i Carabinieri della Compagnia di Cuneo hanno arrestato un 51enne napoletano, sorpreso mentre si faceva consegnare circa 4000 euro in contanti da una coppia di anziani, raggirati poco prima.

L’individuo, infatti, spacciandosi al telefono per maresciallo dei Carabinieri, aveva allarmato i due anziani raccontando loro, falsamente, che il figlio aveva causato un grave incidente stradale ed era in custodia dei Carabinieri e, per poter essere liberato, necessitava di una grossa somma di denaro.

Dopo essersi accordato con gli anziani per il ritiro della somma pattuita, l’uomo si è presentato presso l’abitazione delle vittime, ma fortunatamente, i suoi movimenti avevano attirato l’attenzione dei Carabinieri di pattuglia, che sono intervenuti e lo hanno sorpreso con indosso i soldi un attimo prima che facesse perdere le proprie tracce. L’arresto dell’uomo è stato convalidato dal GIP presso il Tribunale di Cuneo, che ha disposto l’obbligo di presentazione quotidiano alla PG.

Ma quello di Caraglio non è l’unico caso di segnalazione al 112 di truffe ai danni di anziani. Le indagini attivate dai Carabinieri della Compagnia di Borgo San Dalmazzo hanno consentito di individuare e deferire in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica i ritenuti autori di tre truffe avvenute tra lo scorso mese di dicembre e alcuni giorni fa.

Anche in virtù di alcuni indizi forniti dalle persone offese e dai vicini di casa, i Carabinieri sono riusciti ad individuare i presunti autori delle truffe: in due casi sono riusciti a bloccare l’autovettura con la quale si stavano allontanando, recuperando, così, anche il bottino. In totale sono cinque le persone identificate, tre uomini e due donne, tutti di origine campana, denunciate per truffa aggravata e sostituzione di persona.

L’attività repressiva si affianca, nel quotidiano agire dell’Arma dei Carabinieri, alla prevenzione, basata essenzialmente sul tentativo di mettere in guardia i cittadini, soprattutto quelli più vulnerabili. In questo senso gli incontri divulgativi organizzati nei vari paesi, le campagne di sensibilizzazione, come, da ultimo, la distribuzione di opuscoli contenenti consigli antitruffa in dialetto piemontese.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium