/ Cronaca

Cronaca | 28 febbraio 2024, 08:39

Alcol a minori, gestore di una discoteca a processo. E se a comprarglielo sono i maggiorenni?

La denuncia all'autorità giudiziaria arrivò dai Carabinieri e Guardia di Finanza nel 2022: Un addetto: "Impossibile verificare se un maggiorenne compra un drink per un minore"

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Continua in tribunale a Cuneo il procedimento penale nei confronti di A.G., titolare di una discoteca del Monregalese, perché nel suo locale, nella notte tra il 25 e il 26 giugno 2022 sarebbero stati serviti alcolici ad alcuni avventori non maggiorenni. A scoprirlo, i Carabinieri e la Guardia di Finanza (LEGGI QUI).

Nel corso dell’ultima udienza sono stati ascoltati due addetti alla sicurezza che quella sera erano presenti sul posto. Come spiegato, l’ingresso al club è riservato a tutti colori che hanno un’età superiore ai 16 anni e che, diversamente, i più piccoli devono essere accompagnati da un genitore: “Noi chiediamo sempre i documenti di identità all’ingresso” ha affermato uno di loro.

Gli addetti hanno anche riferito che ai ragazzi veniva dato un braccialetto, o apposto un timbro sulla mano per permettere ai baristi di distinguere minorenni da maggiorenni. Una politica, questa, che, secondo quanto riferito sarebbe stata sempre condivisa dal gestore, A.G.

E se un minorenne avesse chiesto ad un maggiorenne di comprare un drink alcolico al suo posto? “Non dipende da noi– ha spiegato uno degli addetti -. Come non possiamo nemmeno escludere che qualcuno entri nel locale scavalcando la recinzione”.

Il 26 aprile, la prossima udienza.  

CharB.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium