/ Politica

Politica | 27 febbraio 2024, 12:10

La vittoria di Todde in Sardegna rilancia le chance di Chiara Gribaudo in Piemonte

La deputata dem cuneese, strenua sostenitrice del “campo largo”, vede salire le proprie quotazioni: torna in auge il suo nome per la candidatura alla presidenza della Regione contro l'albese Alberto Cirio

La deputata cuneese Chiara Gribaudo con Mimmo Rossi, coordinatore regionale del Partito Democratico

La deputata cuneese Chiara Gribaudo con Mimmo Rossi, coordinatore regionale del Partito Democratico

La vittoria, per quanto di misura, di Alessandra Todde (5 Stelle) in Sardegna galvanizza il Pd piemontese. 

“La vittoria della coalizione di centro-sinistra guidata da Alessandra Todde è un’ottima notizia per la Sardegna e per il Paese. Dimostra – afferma Mimmo Rossi, segretario regionale dem - che la destra si può battere se si crede in un progetto comune e si lavora per realizzarlo.

Lo si fa mettendo al centro ciò che unisce e guardando alle differenze come valore, in  linea con ciò che ha dichiarato Todde in questi mesi e con quella che è sempre stata la posizione del Partito Democratico piemontese dalla primavera scorsa. 

Di fronte a questo risultato che è stato possibile anche grazie alla generosità del Partito Democratico, prima forza della coalizione,  e che non si  può considerare solo di natura “locale”, mi auguro – auspica Rossi - uno scatto di responsabilità da parte di tutte le forze politiche che si riconoscono alternative alla destra che governa il Paese e la nostra regione. 

Uniti si può vincere, anche in Piemonte. Anche i piemontesi meritano di poter scegliere un progetto che metta al centro sanità pubblica, trasporti, diritto allo studio, transizione ecologica e digitale e lavoro.

Noi, come ripetiamo da mesi, siamo sempre stati disponibili a costruire un’alleanza senza nomi e schemi predefiniti. L’unica condizione che ora esiste davvero è quella relativa alle tempistiche. Serve uno scatto di responsabilità e serve subito. Non c’è più un minuto da perdere- ammonisce il segretario regionale Pd -: è il momento di decidere mettendo al centro l’interesse dei piemontesi che meritano e si aspettano un cambio di passo anche qui in Piemonte”.

Sin qui le dichiarazioni d’intenti, sull’onda dell’euforia del risultato del voto per la Regione Sardegna, anche se la possibile intesa col Movimento 5 Stelle resta in salita.

Nei prossimi giorni riprenderanno le trattative tra Pd e 5 Stelle, che si trascinano ormai da mesi senza trovare sbocchi.

Lo stallo “alla messicana” in atto nel Partito Democratico tra Chiara Gribaudo, vicepresidente nazionale del partito, e Daniele Valle, vicepresidente del Consiglio regionale, perdura nonostante tutti avvertano la necessità di uscire da un’impasse che può protrarsi oltre, a meno di voler concedere una vittoria a tavolino ad Alberto Cirio.

La vicenda sarda rilancia le chances di Gribaudo: a questo punto, però, lo stallo può essere superato solo da un accordo romano tra i leader dei due partiti Elly Schlein e Giuseppe Conte.

È corsa contro il tempo, mancando ormai due mesi alla scadenza dei termini per definire alleanze, candidatura alla presidenza e formazione delle liste.

Giampaolo Testa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium