/ Cronaca

Cronaca | 24 febbraio 2024, 08:04

Intossicazione da monossido di carbonio in un appartamento a Torre Mondovì, coppia di settantenni in camera iperbarica

Intervento di vigili del fuoco ed emergenza sanitaria. A chiamare i soccorsi sarebbe stato il figlio

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

 

Hanno avvertito un senso di malore: giramenti di testa e nausea. E la loro strumentazione casalinga ha evidenziato la presenza di monossido di carbonio.

Ieri sera, venerdì 23 febbraio intorno alle 20.46, una coppia di settantenni di Torre Mondovì è stata intossicata da monossido di carbonio. In casa avevano una stufa a legna accesa. A chiamare i soccorsi sarebbe stato il figlio che non riusciva a mettersi in contatto con i genitori.

Sul posto l'emergenza sanitaria e i vigili del fuoco.

L'appartamento era già stato ben areato e i pompieri hanno provveduto alla disattivazione dell'impianto.

I due intossicati, un uomo e una donna di circa 70 anni, sono stati ricoverati in codice rosso al'ospedale di Mondovì. Entrambi sono stati trasferiti in camera iperbarica. La donna ora è in Rianimazione a Mondovì, l'uomo invece sarebbe ricoverato a Savigliano.

crm

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium