/ Eventi

Eventi | 07 febbraio 2024, 14:49

Alla Gart di Neive la personale dell’artista spagnolo Octavio Floreal

Lo spazio neivese apre ufficialmente la nuova stagione espositiva con “Indagine II’24”, mostra che si estende fino alle colline di Verduno, negli spazi de La Sbornia

Alla Gart di Neive la personale dell’artista  spagnolo Octavio Floreal

Inaugurerà questo sabato 10 febbraio alle ore 18 la prima mostra dell’anno promossa dalla galleria GART Arte Contemporanea di Neive. L’esposizione porta il titolo “Indagine II’24” e presenta l'universo in bianco e nero di Octavio Floreal, artista originario delle Isole Canarie. Una selezione di opere emblematiche del suo percorso, tre opere inedite e un’installazione site-specific realizzata negli spazi della galleria, inoltrano alle quattro grandi sculture ospitate nei giardini e negli spazi interni de La Sbornia a Verduno. L’esposizione, estesa tra le colline delle Langhe, esplora così uno dei maggiori filoni del lavoro dell’artista, nominato “Indagine”. 

Indagine” per definizione è “un’attività teorica e pratica, indirizzata alla conoscenza o alla scoperta di qualcosa”. [(Sin.) analisi, esame, esplorazione, osservazione, ricerca, studio.]

Questa parola raccoglie all’interno di sé il principio madre che muove l’arte di Floreal sin dall’inizio dei suoi studi e della sua carriera, cominciata a metà degli anni ’90.
Attraverso questo corpo di lavoro, da cui prende il titolo la mostra, Floreal ha dato vita a un alfabeto simbolico unico. Mediante la codificazione di icone, che conducono a un’analisi su concetti esistenziali, l’artista intreccia i racconti della storia dell’uomo e dell'arte con esperienze personali. Le sue icone, originariamente nate dal disegno, vedono la propria tridimensione grazie alla lavorazione di un unico filo di ferro. Questa tecnica conferisce ‘semplicità e leggerezza’ a ogni singolo elemento scultoreo, invitando gli spettatori a esplorare la profondità della storia e del reale attraverso una sintesi visiva, che racconta l'essenza della vita umana e il suo bisogno artistico, collettivo e individuale. 

Octavio Floreal nasce nel 1966 a Las Palmas, nelle Isole Canarie, porto di scambio culturale tra tre continenti che ha influenzato la sua visione del mondo. Fin dalla giovane età si è avvicinato al mondo delle arti visive ricercando in queste la possibilità di comprendere l’oceano delle incognite esistenziali. Tutto il suo lavoro ruota intorno al concetto di spazialità. Coscientemente e incoscientemente, influenzato da esperienze di vita e dai suoi continui spostamenti, ha approfondito il concetto di spazio, lo stesso che racchiude una realtà, che come spiega l’artista, “è formata da un senso che caratterizza e una struttura che sostiene”. Traducendo lo spazio come combinazione di una struttura (linea) e un senso (colore) le prime analisi di questa ricerca le ha affrontate con la pittura, ma è stata successivamente la scultura ad avvicinarlo alle prime soluzioni. 

Il concetto di spazio, concepito come risultato di una struttura e di un senso, è l’elemento che ha generato l’intesa tra la ricerca dell’artista spagnolo e la filosofia del ristorante La Sbornia a Verduno. 

 

Gli orari
Inaugurazione: sabato 10 febbraio ore 18:00
La mostra sarà visitabile dal 10 febbraio al 24 marzo 2024.
Orari di apertura: venerdì, sabato, domenica dalle ore 10:00-12:30 / 15:00-18:00
Via Rocca 31, 12052, Neive, CN
Per appuntamenti e visite alla mostra fuori orario, prenotare tramite mail info@contemporarygart.com o chiamare ai seguenti numeri: +39 3473877343 /+39 3805174332

Contatti
www.contemporarygart.com
info@contemporarygart.com
+39 3473877343

 

L’estensione della mostra Indagine II’24 di Octavio Floreal a La Sbornia a Verduno: 

un connubio tra paesaggio e architettura, arte e enogastronomia

 

L’estensione della mostra nasce dalla sensibilità di Mauro Priola, Alessandro Mascarello, Davide Penna e Carmela Straniero, menti che hanno saputo immaginare e curare nei minimi dettagli l’architettura e la cucina de La Sbornia a Verduno, il nuovo ristorante d’avanguardia nelle Langhe.

La visione che continua a guidare il progetto coinvolge, non solo la gastronomia intesa come forma d’arte, ma una rete di suggestioni multisensoriali generate dalle connessioni tra paesaggio, architettura, arte ed enogastronomia.  L’intera esperienza che offre La Sbornia a Verduno è un’immersione in un percorso tra diverse sale, profumi, altezze, panorami e geometrie. 

Il nome stesso del ristorante porta il titolo di un’opera realizzata nel 1960 dal noto artista albese Pinot Gallizio che, con la sua “pittura industriale”, ha segnato la storia dell’arte contemporanea italiana.

L’architettura del ristorante è stata ideata rivolgendo attenzione primaria all’inserimento stesso della struttura nel paesaggio circostante. La sua geometria è per questo perfettamente in equilibrio con la linea d’orizzonte che le cime delle Alpi disegnano tutto intorno. La grande componente di pareti di vetro permette allo spazio di creare un’armonica connessione tra interno ed esterno, permettendo alla luce di entrare ad ogni ora del giorno in maniera diversa e performativa. Altri due elementi fondamentali sono ‘la grande bottiglia portante’, che si sviluppa su due piani diventando albero nascente dal terreno e diramante verso il cielo, e la ‘scala centrale’, che ricordando la forma del DNA, connette tutta la struttura del ristorante conducendo i visitatori nel cuore delle sale. Tutti questi elementi, dunque, creano significati ed esprimono concetti attraverso una forma, uno spazio.

La cucina è opera di Carmela Straniero: ogni piatto esprime la sua sensibilità e raffinatezza.  

Ispirata dalla mamma ai fornelli durante la sua gioventù passata a Trani, Carmela impara da bambina che cucinare è una forma di amore. Forte di questo credo intraprende il suo percorso in cucina che la porta a coltivare la sua passione, inizialmente, nei ristoranti della sua terra natia, per poi spostarsi a Londra, dove collabora per lo chef Massimiliano Blasone e successivamente con Alain Ducasse At The Dorchester. Rientrata in Italia farà esperienza all’Antica Corona Reale a Cervere, all’Arnolfo a Colle Val D’Elsa in Toscana e al Vescovado a Noli, in Liguria. 

Tornerà in Piemonte, dove collabora con lo chef Alessandro Boglione, per decidere dopo pochi anni di fermarsi definitivamente nelle Langhe. 

 

Informazioni e contatti
La Sbornia a Verduno

Dal 9 febbraio.
www.lasborniaverduno.it
Loc. Castagni, 60, Verduno
+39 3277005318
info@lasborniaverduno.it

Orari di apertura:
lunedì 12:30 – 23:20
martedì: chiuso
mercoledì: chiuso
giovedì 12:30 – 23:20
venerdì 12:30 – 23:20
sabato 12:30 – 23:20
domenica 12:30 – 23:20

 

GART Arte Contemporanea e il progetto GARTOUR

 

La galleria GART Arte Contemporanea attraverso il progetto GARTOUR continua a tessere i fili più intimi di un territorio d’eccellenza con l’arte contemporanea. La galleria, con sede centrale nel cuore del centro storico di Neive, focalizza la sua ricerca su artisti emergenti e mid-career di panorama internazionale, creando connessioni che intrecciano culture e arti del mondo all’interno della galleria. La visione della galleria sconfina oltre le proprie sale generando la possibilità di vivere l’arte contemporanea in luoghi e territori unici. Il progetto si basa sulla creazione di eventi ed esposizioni realizzate all’interno di spazi capaci di svelare e mettere in luce il lavoro di artisti contemporanei selezionati. La progettazione di allestimenti specifici si propone di far vivere esperienze artistiche legate all’atmosfera del luogo, al territorio e alle sue eccellenze. Contesti particolari permettono di esplorare nuove interconnessioni, creare opportunità di conoscenza e di scambio. Il GARTOUR si ispira, di nome e di fatto, al Grand Tour, una vera e propria moda del “Viaggio in Italia” affermatasi nell’Europa nel XVII secolo nel momento in cui, nella storia della mentalità collettiva, il viaggio acquisì valore per le sue intrinseche proprietà: una curiosità fattasi più audace nel nome del sapere e della conoscenza, da un lato, e del piacere dell’evasione e del puro svago dall’altro. L’Italia divenne così meta privilegiata di un itinerario che giovani, uomini di cultura e persone dell’aristocrazia europea cominciarono a intraprendere con regolarità per conoscere la cultura, l’arte antica e le opere contemporanee attraverso le visite, gli studi e gli acquisti di opere d’arte.

C. S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium