/ Attualità

Attualità | 29 gennaio 2024, 15:06

Due enti montani e 58 Comuni: nasce il Distretto del Cibo dell’Alta Langa e del Cebano, tra i più grandi d’Italia

Firmato l’accordo per promuovere un innovativo modello di sviluppo. I presidenti Bezzone e Falletto: “Questo progetto rappresenta la svolta per i nostri territori e le loro peculiarità”

Due enti montani e 58 Comuni: nasce il Distretto del Cibo dell’Alta Langa e del Cebano, tra i più grandi d’Italia

Due unioni montane, un vasto territorio ricco di eccellenze e un tessuto economico vivo dalle molte potenzialità. Sono questi gli ingredienti principali dai quali nasce il “Distretto del Cibo dell’Alta Langa e del Cebano”, grazie a un accordo siglato tra l’Unione montana di Alta Langa e quella delle Valli Mongia e Cevetta Langa Cebana Alta Valle Bormida.

L’obiettivo è quello di realizzare uno strumento di politica economica finalizzato a organizzare e sostenere i sistemi produttivi agricoli e agroalimentari locali, favorendo l’integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale, nonché salvaguardare il paesaggio rurale, come ha detto il sindaco di Ceva e presidente dell’Unione montana del Cebano, Vincenzo Bezzone, che ha aggiunto: “Sono convinto che il Distretto del Cibo rappresenterà una svolta fondamentale per tutte le nostre vallate sia nel settore agricolo e produttivo che in quello turistico. Abbiamo realizzato un importante strumento di sviluppo che ci renderà più forti nell’affrontare le sfide del futuro”.

Il primo atto ufficiale per dare il via a questo Distretto del Cibo, è stata la firma dell’accordo, tra il presidente dell’Unione del Cebano Vincenzo Bezzone e il presidente dell’Unione Montana Alta Langa e sindaco di Serravalle Langhe Davide Falletto, e delle associazioni che ne fanno parte: Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Associazione Commercianti Albesi, Ascom Ceva e Confartigianato. Una forma aggregativa che, con i suoi 58 Comuni, identifica il Distretto del Cibo dellAlta Langa e del Cebano, tra i più grandi d’Italia.

“La sfida ma anche l’obiettivo - ha sottolineato il presidente dell’Unione montana Alta Langa Davide Falletto - è quello di creare, come stiamo già facendo, un percorso condiviso di promozione sulle capacità produttive delle imprese e sulle produzioni locali, attraverso un sistema forte e coeso che ci renda competitivi sul mercato”.

“Il nostro progetto”, ha spiegato il segretario generale dei due enti montani, la dottoressa Carla Bue, alla platea dei sindaci riunitisi nella sede dell’Ente montano di Ceva, “è stato presentato in Regione Piemonte per l’approvazione, ed essere così inserito nel registro italiano dei Distretti del Cibo, avendo così la possibilità di partecipare a bandi per concessione di contributi e risorse nazionali e anche europee”.

Ringraziamo i sindaci e tutti gli attori che hanno partecipato a questo importante accordo - hanno sottolineato i presidenti dei due enti montani, Bezzone e Falletto - attraverso un’ampia condivisione di realtà simili nelle loro peculiarità, per una filiera agricola di alta qualità a cui il Distretto del Cibo offrirà più possibilità nei diversi passaggi di trasformazione, commercializzazione e formazione. Senza dimenticare il grande valore aggiunto del paesaggio e della cultura che caratterizzano i nostri territori. Un grazie particolare allo studio Vassallo per averci fornito il supporto tecnico e al segretario generale Carla Bue”.

I Distretti del cibo costituiscono un nuovo modello di sviluppo per l'agroalimentare, e nascono per fornire a livello nazionale ulteriori opportunità e risorse per la crescita e il rilancio sia delle filiere che dei territori. Strumento strategico del MASAF - Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste - mira a favorire lo sviluppo territoriale, la coesione e l'inclusione sociale, favorendo l'integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale. Nello stesso momento tutelano anche la sicurezza alimentare, la diminuzione dell'impatto ambientale delle produzioni e la riduzione dello spreco alimentare, oltre alla salvaguardia del territorio e del paesaggio rurale attraverso le attività agricole e agroalimentari.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium