/ Economia

Economia | 01 dicembre 2023, 11:55

Giordano Guerrieri (ceo Finera): Emergenza Credit Crunch, la situazione e le soluzioni per le PMI nell'Eurozona

Giordano Guerrieri (ceo Finera): Emergenza Credit Crunch, la situazione e le soluzioni per le PMI nell'Eurozona

In un contesto economico sempre più sfidante, l'ultimo Bank Lending Survey della Banca Centrale Europea (BCE), pubblicato a ottobre 2023, ha evidenziato un inasprimento sostanziale degli standard creditizi applicati dalle banche dell'Eurozona. “Questo fenomeno, noto come "credit crunch", sta impattando significativamente sulle nostre piccole e medie imprese (PMI), che trovano crescenti difficoltà nell'accesso al credito”, ha dichiarato in una recente intervista Giordano Guerrieri ceo di Finera.

Secondo l'analisi recente dell'Ufficio Studi della CGIA, questa restrizione creditizia sta esercitando una pressione senza precedenti sulle PMI, vitali per l'economia dell'area euro. Le banche, rispondendo a un ambiente economico incerto e a regolamentazioni più stringenti, hanno aumentato i requisiti per l'approvazione di prestiti, influenzando direttamente la liquidità e la capacità di crescita delle PMI. 

Nello specifico da agosto 2022 ad agosto 2023, si è registrata una marcata diminuzione degli impieghi bancari vivi verso le imprese italiane, con un calo del 7,7% rispetto all'anno precedente, pari a una contrazione di 55,8 miliardi di euro. Questa riduzione ha colpito in modo più accentuato le piccole imprese con meno di 20 dipendenti (che rappresentano circa il 98% del totale delle imprese in Italia), con un calo dell'8,7%, mentre le imprese di dimensioni maggiori hanno registrato una diminuzione leggermente inferiore, del 7,5%. 

Giordano Guerrieri sulla base della analisi della CGIA identifica almeno tre cause principali di questa restrizione creditizia, tutte strettamente interconnesse: “La prima causa è l'aumento dei tassi di interesse da parte della BCE, che ha reso il debito più costoso. A ciò si aggiunge il fatto che il calo dei volumi di credito è legato anche al rallentamento del Pil nazionale, che ha comportato una diminuzione della domanda di prestiti e come terza causa la ridotta liquidità delle banche dovuta alla necessità di restituire alla BCE i fondi Tltro, per un totale di 174 miliardi di euro entro settembre 2024”.

Di fronte a questa situazione critica che ha portato molte banche a limitare il credito alle imprese, esistono tuttavia alcune soluzioni concrete per sostenere le PMI. Tra queste troviamo ad esempio la possibilità di un aumento delle garanzie statali sui prestiti alle PMI, al fine di ridurre il rischio percepito dalle banche e facilitare l'accesso al credito.

Un’altra possibilità è data dall’introduzione di incentivi fiscali per le banche che offrono condizioni di prestito favorevoli alle PMI, incoraggiando così un maggiore flusso di credito verso questo settore. Non bisogna dimenticare che, “In una situazione di credit crunch, le imprese possono e devono ricorrere alla finanza agevolata e agli strumenti di finanza alternativa, come il crowdfunding o il peer-to-peer lending, che possono offrire alle PMI opzioni di finanziamento più flessibili”, spiega Guerrieri, a capo di Finera, azienda specializzata in consulenza in finanza aziendale, e autore del libro “L’Era PNRR. Far prosperare le imprese nell’epoca delle opportunità finanziarie”, (Mondadori). Il libro di Guerrieri si pone proprio come una guida per le PMI che devono destreggiarsi in un contesto fatto di grandi difficoltà da un lato, ma di opportunità uniche dall’altro. Opportunità che, però, una PMI può avere difficoltà a cogliere ed è per questo motivo che le consulenze con esperti in finanza aziendale restano una delle soluzioni più importanti per accedere al credito, in quanto gli specialisti possono supportare le PMI a strutturare meglio le loro richieste di finanziamento e nell’ottimizzazione della loro gestione finanziaria.

Per superare l’attuale crisi di liquidità e assicurare alle PMI dell’Eurozona le risorse necessarie per prosperare e sostenere l’economia, è necessario un approccio proattivo e coordinato, sia da parte delle PMI, che devono abbandonare la mentalità bancocentrica e aprirsi alle valide alternative disponibili per ottenere liquidità, sia da parte di istituzioni europee, stati membri, settore bancario e governi, che devono collaborare per fornire costantemente soluzioni utili a superare il credit crunch. 

https://finera.it 

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium