/ Attualità

Attualità | 01 dicembre 2023, 17:08

Gli aumenti delle tariffe dei nidi albesi. "Troppi e non tempestivi, le famiglie devono essere tutelate"

Il consigliere Fabio Tripaldi interroga la Giunta sull'incremento delle rette. L'assessora Elisa Boschiazzo risponde: "Prezzi fermi per 7 anni, sono stati adeguati all'inflazione e includono numerosi servizi"

Gli aumenti delle tariffe dei nidi albesi. "Troppi e non tempestivi, le famiglie devono essere tutelate"

L'incremento delle tariffe dei nidi comunali è stata tra i temi al centro del dibattito nell'ultima seduta del Consiglio comunale, tenuta ieri sera in municipio. Dal banchi della minoranza di Uniti per Alba, Fabio Tripaldi, appartenente al gruppo “Alba Città per Vivere”, ha chiesto conto "del terzo aumento in tre anni", portando i costi, "senza agevolazioni Isee, dai 449 euro del 2021 ai 505 del 2023".

Il consigliere ha suggerito di pensare ad alzare le agevolazioni Isee,
non fermandosi ai 18.000 euro, ma prevedendo fasce fino ai 40.000 come avviene nel Comune di Asti, lamentando anche la scelta di alzare le tariffe "ad anno scolastico iniziato, senza comunicazioni opportune alle famiglie che avevano scelto un servizio a determinate condizioni trovandosele poi modificate in corso d’opera".

A rispondere è stata l'assessora Elisa Boschiazzo: "Le tariffe sono rimaste invariate per 7 anni fino a settembre 2022, quando è entrato in vigore l'adeguamento previsto dalla delibera della Giunta comunale numero 216 del 14 luglio 2022, che ha comportato un aumento dell'8% a seguito dell'incremento dei costi di gestione dovuti alle ben note cause, la pandemia e la guerra in Ucraina, che hanno fatto innalzare ovviamente l'inflazione. Il riferimento per la modifica delle tariffe è stato all'Indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività, pubblicato dall'Istat il 1º luglio 2022, quindi pari all'8% sulla base annua. Su questa modifica non ci sono state rimostranze da parte dei genitori né di altri soggetti".

L'intervento è proseguito con la spiegazione del secondo aumento datato 2 settembre 2023. "Per quanto concerne l'ultimo aumento deliberato, è stato preso a riferimento l'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai impiegati del mese di luglio 2023, che era pari al 5,7%. L'Amministrazione, però, ha ritenuto di procedere mediamente con un adeguamento del 4%".

L'assessora Boschiazzo ha fatto poi dei riferimenti ai prezzi minimi degli altri Comuni: "A Fossano l'equivalente minimo della retta è pari a 178, a Savigliano è di 127,92 e a Bra 169,60. Invece ad Alba oggi è pari a 55 euro, dopo i due aumenti che si sono resi necessari sia nel 2022 che nel 2023. Durante le assemblee coi genitori che sono avvenute il 27 e 28 novembre, non è emersa alcuna lamentela o criticità inerente alle rette dell'asilo nido. Tengo ancora a sottolineare che le tariffe includono tutto quello di cui necessitano i bambini, senza alcun costo ulteriore aggiuntivo per le famiglie: sono compresi i pasti, i pannolini, i prodotti detergenti per l'igiene personale".

Daniele Vaira

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium