/ Attualità

Attualità | 29 novembre 2023, 11:10

Calderoni (PD): "Divieto di retribuzione dei medici specializzandi, a rischio i prelievi in Piemonte"

A causa del recente decreto dei ministeri Economia, Salute e Università a rischio i prelievi in almeno metà dei centri prelievo, in particolare in Piemonte

Calderoni (PD): "Divieto di retribuzione dei medici specializzandi, a rischio i prelievi in Piemonte"

Come avranno notato molti donatori di sangue, sono numerosi i centri prelievo che si basano sul lavoro degli specializzandi che, fuori orario lavorativo, prestano servizio dietro un compenso. Con il nuovo decreto dei ministeri dell’Economia, della Salute e dell’Università, ciò non sarà più possibile se non a titolo gratuito: una pretesa impossibile e anche ingiusta, considerate le responsabilità professionali.

Nella nostra Regione, i prelievi sono a rischio in almeno metà dei centri: che ne sarà, ad esempio, delle sei convenzioni attive all’ospedale di Cuneo e di quelle di Savigliano, tra cui l’accordo con l’Università che si sta chiudendo in questi giorni?

I vertici nazionali delle due principali associazioni di donatori, Avis e Fidas, si sono già espressi in maniera contraria esprimendo dubbi e perplessità: è mai possibile che il governo Meloni sia stato così superficiale, mettendo a rischio il sistema delle donazioni di sangue e plasma? In un Paese dove per l’invecchiamento della popolazione è sempre più difficile reperire sacche di sangue, questo governo ha pensato ai costi e ai rischi di incrementare l’importazione dall’estero?

Mauro Calderoni

Sindaco di Saluzzo e Segretario Provinciale PD Cuneo

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium