/ Attualità

Attualità | 22 novembre 2023, 16:34

Interventi di mobilità sostenibile nei 76 comuni piemontesi con limitazioni al traffico: pronto il bando da otto milioni e mezzo

L'assessore Marnati: "Un bando completo e unico nel suo genere che ha già riscosso grande partecipazione dei comuni coinvolti e per questo motivo riteniamo di proseguire su questa strada triplicando le risorse"

L'assessore regionale Matteo Marnati

L'assessore regionale Matteo Marnati

Dalla realizzazione di percorsi ciclabili alla creazione di aree pedonali, “strade scolastiche” e strade a velocità ridotta quindi con particolare attenzione a bambini, anziani e persone diversamente abili; dalla messa a dimora di nuovi alberi a interventi di de-pavimentazione passando anche per una diversa concezione di strade e piazze dei quartieri come luoghi di interazione sociale e di ritrovo, restituendo lo spazio urbano alla vita pubblica.

Queste le finalità del bando, per la realizzazione di interventi per l’adattamento degli ambiti urbani a nuove forme di mobilità sostenibile ed attiva, che riaprirà a breve con una ulteriore dotazione finanziaria di 5 milioni di euro di fondi ministeriali. Una misura che, alla luce di questi nuovi fondi, poggia su una dotazione finanziaria complessiva di quasi 8 milioni e mezzo (alla prima apertura il bando, chiuso alla fine di giugno, vedeva una dotazione di 3 milioni e 300mila euro).

Beneficiarie le amministrazioni comunali (76) che stanno attuando le misure di limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti come previsto dal Piano Regionale della Qualità dell’Aria.

«Con questo bando – dichiara l’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati - finanziamo interventi con lo scopo di migliorare la qualità della vita urbana sotto molti aspetti come la promozione di uno stile di vita sano e sostenibile, la creazione di nuovi spazi sicuri, migliorare il valore estetico delle nostre città ma anche migliorare la qualità dell'aria e offrire ombra e frescura, oltre a ripensare la concezione delle strade e delle piazze come luoghi di interazione sociale. Insomma, un bando completo e unico nel suo genere che ha già riscosso grande partecipazione dei comuni coinvolti e per questo motivo riteniamo di proseguire su questa strada triplicando le risorse».

Gli obiettivi specifici sono molteplici: ridurre il valore degli inquinanti con particolare riferimento alle aree urbane, preservare la qualità dell’aria nelle zone in cui i livelli degli inquinanti sono stabilmente al di sotto dei valori limite, incentivare una mobilità alternativa all’auto nelle aree urbane, consolidare l’utilizzo della bicicletta all’interno dell’ambito urbano, migliorare la qualità dell’ambiente e della vita dei cittadini creando effetti positivi sulla salute e il benessere delle comunità, incrementare i servizi ecosistemici (ovvero quei benefici multipli forniti dagli ecosistemi all’uomo) negli ambiti urbani per concorrere al miglioramento della qualità dell’aria.

Due le tipologie di interventi ammessi: la realizzazione di percorsi ciclabili, zone 30 e aree pedonali; e programmi di riforestazione urbana e realizzazione di interventi di de-pavimentazione. Il contributo massimo per ogni comune è di 300mila euro.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium