/ Attualità

Attualità | 20 novembre 2023, 16:19

Da Macra al Vaticano: il viaggio dell'abete che vestirà di Natale piazza San Pietro [FOTO E VIDEO]

Un grande lavoro di territorio per un evento che Macra ha atteso per otto anni. Quasi tutte le aziende che hanno collaborato, dagli addobbi al trasporto, lo hanno fatto a titolo gratuito

Da Macra al Vaticano: il viaggio dell'abete che vestirà di Natale piazza San Pietro [FOTO E VIDEO]

Un abete di 50 anni, alto circa 28 metri, con un diametro, alla base della chioma, di 12 e del peso di 65 quintali. Da Macra, uno dei più piccoli comuni d'Italia, arriverà in Vaticano.

Il comune della Valle Maira ha atteso otto anni per poter donare l'albero di Natale al Santo Padre. Era in lista di attesa dal 2015; il suo turno era previsto nel 2025, ma due Comuni nel frattempo hanno rinunciato, anticipando il traguardo di due anni. 

Grande soddisfazione per Macra, per l'intera valle ma per tutto il Cuneese, perché è stato un grande lavoro di squadra ad aver portato a questo risultato.

Stamattina il taglio dell'abete, scelto dopo svariati sopralluoghi, in Borgata Curbiant, poi il trasporto con l'Erickson Air Crane S-64 dei vigili del fuoco, l'unico mezzo in grado di trasportare tale carico e, infine, domani, la partenza per Roma, alla presenza del presidente della Regione Alberto Cirio.

L'albero impiegherà un giorno e mezzo e due notti per arrivare a destinazione.

Difficile rendere l'emozione e la fibrillazione che hanno accompagnato tutti i preparativi. Tanti gli abitanti della valle che hanno assistito alle operazioni di trasporto del grande pino, appeso ad un cavo d'acciaio e adagiato su due grandi cavalletti in un prato al confine tra Dronero e Roccabruna.

L'albero, prima di partire, sarà impacchettato, Bisogna infatti ridurre il diametro, per renderlo trasportabile, dai 12 metri ai 3,20. Sarà poi sorvegliato tutta la notte dagli alpini dell'ANA per partire poi domani verso le 10.30.

Ma quello che va raccontato, al di là delle complesse operazioni che hanno coinvolto anche decine di vigili del fuoco, è il grande gioco di squadra che ha permesso di fare tutto al meglio e, perché no, anche di contenere i costi.

L'albero sarà addobbato con oltre 7000 stelle alpine coltivate dalla ditta Edelweiss Vivai di Villar San Costanzo. Livio Piumatto e la figlia Enrica hanno lavorato tantissimo, in particolare per disidratare e stabilizzare i fiori e far sì che resistano fino a gennaio, quando l'albero sarà smontato. Un dono che si aggiunge a quello dell'albero. 

Ma non solo: anche il trasporto, che coinvolgerà un mezzo eccezionale, quattro vetture di scorta e due autisti, è un dono della ditta ditta Giurato & Fortuna di Trinità di Fossano. L'arrivo sarà in un autogrill di Roma Nord in piena notte, dove il carico sarà affidato ad una seconda ditta, che provvederà al trasferimento del grande abete in Vaticano, nel cuore della notte. 

Ad impacchettare l'albero sarà Armando Garden di Verzuolo. Tutte le operazioni legate al taglio, al trasporto e alle operazioni sull'albero sono state gestite da Walter Barra, che ha un'azienda di "tree climbing" di Sampeyre.

Ma non finisce qui: il Comune di Cuneo ha contribuito al progetto con l'acquisto di 41 piccoli abeti che addobberanno tutto il Vaticano. A fornirli, il vivaio di Pratavecchia. Non è mancato il sostegno economico della Regione e della Fondazione CRC. Anche perché, è abbastanza intuibile, si tratta di un'operazione molto costosa, dove la maggior parte delle aziende ha collaborato e dato il suo supporto a titolo totalmente gratuito.

Impossibile non citare i volontari di Protezione Civile, dell'Associazione Alpini, gli AIB, tanti cittadini. Un grande e bellissimo lavoro di territorio per realizzare un progetto atteso otto anni e che darà grande visibilità alla bellissima valle Maira.

Caponnetto-Simonelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium