/ Economia

Economia | 19 novembre 2023, 10:24

Al Me - Made Expo 2023 Senini protagonista della building community che disegna il futuro delle costruzioni

Al passo con i tempi e da molti anni impegnata nella produzione di materiali innovativi, eco – sostenibili e a basso impatto ambientale, necessari per cavalcare l’orientamento dovuto ai cambiamenti climatici e ad un utilizzo più razionale delle risorse, Senini ha esposto al Made Expo tre linee di prodotto esclusive, pensate per il futuro e per il benessere del pianeta

Al Me - Made Expo 2023 Senini protagonista della building community che disegna il futuro delle costruzioni

Con oltre 600 espositori provenienti da 28 Paesi, si è chiusa con successo a Fiera Milano Rho, l’edizione 2023 dal ME – MADE EXPO, la fiera internazionale di  del settore edilizia, organizzata in due Saloni altamente specializzati: Costruzioni e Involucro. Fil rouge della proposta espositiva globale, soluzioni, materiali e tecnologie proposte da comparti fondamentali per la progettazione, la costruzione e la riqualificazione dell’edificio tra innovazione, efficienza energetica e sostenibilità.  Collocato nei padiglioni 2 e 4, in particolare il Salone Costruzioni ha offerto una visione a 360° su prodotti e soluzioni per costruire e riqualificare: software e tecnologie per la progettazione; Building Information Modeling (BIM); Construction Chemical; sistemi costruttivi per strutture e infrastrutture; soluzioni antisismiche; attrezzature per la sicurezza e il cantiere; proposte per la riqualificazione energetica; l’isolamento tecnico e il comfort; materiali e finiture per l’architettura d’interni; soluzioni per l’integrazione tra edificio e impianto. Senini Srl di Montichiari (BS), azienda leader in Italia nella produzione di pavimenti autobloccanti, cordoli, blocchi per murature, da anni impegnata in attività di ricerca e sviluppo su materiali eco – compatibili per l’edilizia, dal 15 al 18 novembre, presso il padiglione P2 stand E13 – F22, ha catalizzato l’attenzione del pubblico con i suoi materiali da costruzione del terzo millennio e con un allestimento in piena modalità “esperienziale”. Piante e sedute in materiali naturali, hanno fatto da cornice ad un video immersivo focalizzato sul tema “Respirare l’ambiente”, inducendo i visitatori ad una riflessione importante: oggi è indispensabile ragionare in chiave ecosistemica, perché la salute dipende non solo dalla nostra genetica e dai comportamenti che adottiamo, ma anche dall’ambiente in cui viviamo e lavoriamo. E proprio l’utilizzo di materie prime naturali, la qualità del prodotto, le ottime prestazioni drenanti di molti formati sono le prerogative imprescindibili per l’azienda, in quanto assicurano l’impegno concreto verso questa direzione.

Al passo con i tempi e da molti anni impegnata nella produzione di materiali innovativi, eco – sostenibili e a basso impatto ambientale, necessari per cavalcare l’orientamento dovuto ai cambiamenti climatici e ad un utilizzo più razionale delle risorse, Senini ha esposto al Made Expo tre linee di prodotto esclusive, pensate per il futuro e per il benessere del pianeta. Dalla materia prima al risultato finale, con un obiettivo ben preciso: eliminare o ridurre considerevolmente il riscaldamento e l’inquinamento, favorendo il risparmio e soprattutto, il confort.

Queste, nel dettaglio, con le loro rispettive pecularità:

-         Tecnocanapa: la gamma completa di prodotti brevettati per involucri in canapa e calce. Questa soluzione rappresenta l’edilizia del futuro in quanto è costituita da componenti naturali, sostenibili e ad alta efficienza energetica. Infatti, Blocco Ambiente, Bio Beton Pronto e Bio Beton 500 Venezia sono le soluzioni ideali per la nuova costruzione e la ristrutturazione. Composti unicamente da Canapulo, Legante Dolomitico Naturale e Microorganismi Simbiotici, sono in grado di massimizzare salubrità, risparmio energetico e confort abitativo.

-         Ecotop Superior: la linea di pavimenti fotocatalitici, pavimentazioni autobloccanti per esterno che grazie al principio fotocatalitico contenuto nella loro superficie contribuiscono in modo concreto alla riduzione delle sostanze nocive nell’aria. Vantano, infatti, Vantano, infatti, caratteristiche che la rendono unica quali una superficie compatta e uniforme con una chiusura perfetta, migliore di una pietra naturale in quanto non assorbe, è antiscivolo e pulisce l’aria per mezzo della fotocatalisi; l’aggiunta di speciali additivi che riducono l’insorgere di fenomeni quali le efflorescenze; l’idrorepellenza con il sistema idrocare  (che mantiene i colori, evita l’insorgenza di muschi e licheni , ha una migliore resistenza gelo/disgelo…); l’utilizzo di minerali di alto pregio che conferiscono una particolare brillantezza; durata e costanza di tonalità; un’eccellente indice di riflettenza solare che riduce l’assorbimento dei raggi, mantenendo più fresca la superficie;

-         Glow in the dark, la linea di pavimentazioni e lastre che, grazie alle pietre fotoluminescenti contenute nello strato superiore, assorbono la luce (solare o artificiale) durante il giorno e la rilasciano nella notte creando una magica atmosfera.  Adatte per illuminare percorsi, giardini, viali o per qualsiasi uso che l’immaginazione possa suggerire rappresentano un modo semplice, ma intelligente, per migliorare la bellezza dell’ambiente. Suggestive anche le lastre per rivestimento di pareti, per estendere questo sistema agli edifici. Le coperture delle pareti  ventilate, possono infatti essere create usando le lastre SENINI che si illuminano nell’oscurità, producendo un effetto unico e bellissimo. Il tempo peraltro, non riduce la funzionalità del sistema e non è necessario nessun tipo di attrezzatura per ottenere l’effetto luminoso.

“Le case del futuro saranno sempre più costruite con materiali naturali. “ ha affermato Massimo Senini, presidente del Gruppo Senini, all’editore di More News, Enrico Anghilante, in visita alla Fiera e allo stand. “L’ecosostenibile è sano, bello e a misura d’uomo. In Senini abbiamo sempre avuto una particolare sensibilità per i temi ambientali e siamo stati i primi nel settore , ad ottenere , oltre vent’anni fa, la certificazione ambientale ISO 14001. Non a caso, i prodotti da pavimento esterno della linea Ecotop sono stati scelti da EXPO Milano 2015 per la loro capacità di abbattere l’inquinamento atmosferico grazie al processo di fotocatalisi e con la linea Tecnocanapa, dal 2015, operiamo anche nel settore della bioedilizia, dei materiali da costruzione naturali e delle tecnologie per l’efficienza energetica puntando alla riduzione dei consumi energetici di edifici nuovi ed esistenti e al miglioramento del confort abitativo degli occupanti.

Non a caso, grazie alle particolari proprietà di isolamento termico, isolamento acustico e regolazione igrometrica di canapa e calce, è possibile ristrutturare e realizzare edifici iper efficienti e confortevoli oltre che estremamente salubri per gli occupanti.

Si tratta infatti dell’unica tecnologia nel settore edile con un impatto positivo per l’ambiente poiché sottrae CO2 dall’atmosfera invece che inquinare ed è quindi una soluzione concreta nella lotta contro i cambiamenti climatici.”

“L’analisi del ciclo di vita (LCA) dei prodotti biocompositi in canapa e calce condotta dal Politecnico di Milano “ha concluso Senini” permesso di quantificare il loro impatto ambientale considerando tutto il percorso che inizia con l’estrazione della calce e la coltivazione della canapa, passando dalla produzione dei materiali da costruzione fino al loro impiego e smaltimento, in un periodo ipotetico di 100 anni. Con enorme soddisfazione, il risultato appare strepitoso: la grande quantità di CO2 atmosferica che la pianta di canapa fissa nel suo legno durante il processo annuale di crescita e sviluppo, è in grado di sovracompensare tutte le emissioni delle fasi più energivore del ciclo di vita, con un bilancio a favore dell’ambiente. Il risultato ha quasi dell’incredibile: sono 1062 le tonnellate di CO2 sottratte dall’atmosfera con oltre 14.000 metri cubi di prodotti biocompositi in canapa e calce negli ultimi 4 anni. Tale quantità corrisponde alle emissioni di 113 auto diesel che percorrono la circonferenza del Pianeta Terra al livello dell’Equatore”.

Ancora una volta, dunque, Senini ha confermato, così, la sua mission aziendale: Lavoriamo per il bene dell’uomo e dell’ambiente.

 

rg

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium