Economia - 10 ottobre 2023, 14:38

Autorità, sindaci e personalità del mondo dell’impresa e della scuola all’apertura della nuova sede Multiversity a Bra [FOTOGALLERY E VIDEO]

Passerella di ospiti alla cerimonia per il varo della nuova casa degli studenti Pegaso, Mercatorum e San Raffaele, nella centralissima via Cavour

Taglio del nastro per la nuova sede braidese del gruppo Multiversity

Taglio del nastro per la nuova sede braidese del gruppo Multiversity

"Dopo nove anni di intenso lavoro un traguardo che ci riempie di orgoglio e che siamo stati felici di condividere con tanti amici e rappresentanti del mondo economico e produttivo di questo splendido territorio. Siamo riusciti nell’intento di creare nel cuore di Bra una casa per gli iscritti ai corsi universitari e di formazione superiore di Multiversity Group e con quella una nuova sede d’esame per l’università telematica San Raffaele, che insieme alle proposte de Il Sole 24 Ore Formazione rappresenta l’ultima arrivata tra le possibilità offerta dal gruppo che si sta sempre più affermando come leader italiano nella formazione on line. Questo è per noi motivo di grandissimo orgoglio e soddisfazione". 

A parlare sono i dottori Carmine e Vincenzo Maffettone, condirettori delle sedi cuneesi e imperiesi di Multiversity, che sabato scorso, insieme alla professoressa Nunzia La Marca, hanno aperto a un numeroso pubblico di amici, autorità, amministratori, personalità dell’impresa, operatori della scuola e semplici cittadini le porte della nuova sede braidese del gruppo leader in Italia nella formazione on line: oltre 500 metri quadrati di aule attrezzate con servizi e strumentazioni per la didattica digitale ora aperti ai tanti iscritti ai corsi Pegaso, Mercatorum e San Raffaele al civico 44 della centralissima via Cavour, nel cuore della città della Zizzola.   

Sterminato lungo l’elenco di ospiti intervenuti al partecipato pomeriggio di festa. A partire dai vertici di Multiversity, presenti col direttore generale Andrea Bonomo, il responsabile area Alessandro Carta e il docente di Diritto Civile presso l’Università Pegaso Raffaele Iervolino.

Se a fare gli onori di casa insieme alla famiglia Maffettone ci hanno pensato il sindaco Gianni Fogliato, l’assessore comunale Luciano Messa e i consiglieri Sergio Panero e Davide Tripodi, al taglio del nastro sono stati graditi ospiti il vescovo di Alba monsignor Marco Brunetti, il senatore Giorgio Maria Bergesio, il vicepresidente del Consiglio regionale Franco Graglia, l’onorevole Marco Perosino, il governatore del distretto Lions 108Ia3 Oscar Bielli, il presidente e il direttore generale di Confindustria Cuneo, Mariano Costamagna e Giuliana Cirio, il colonnello dei Carabinieri Rocco Italiano, l’amministratore delegato di Iren Energia Giuseppe Bergesio, Sebastiano Contegiacomo in rappresentanza del Gruppo Egea. 

Poi l’industriale Roberto Rolfo, il direttore dell’Ascom Bra Luigi Barbero e quello di Confapi Cuneo Roberto Russo, l’ex sindaco Camillo Scimone, lo storico dirigente Ferrero Domenico Dogliani, Massimo Somaglia, il primario di Gastroenterologia dell’Ospedale di Verduno Riccardo Vanni, il direttore della locale filiale Bper Giuseppe Guerriero con la dirigente Alessandra Mamino e le addette della sede braidese, la private banker di Banca Generali Alba Claudia Castagnotto, il senior manager private equity Paolo Badino, il dirigente dell’Agenzia delle Entrate di Cuneo Francesco Romano, l’avvocato Sara Marcarino coi colleghi Dario OliverioMarco Lamberti, gli imprenditori Maria Luisa AscheriElio Nebiolo e Gianfranco Di Concilio

Con loro tanti dirigenti scolastici come Brunella Margutta, Franco Zanet, Margherita Testa, Benedetto Russo, Ezio Delfino e Giuseppe Ierardi, e ancor più numerosi sindaci e amministratori locali, tra i quali i primi cittadini di Cherasco Carlo Davico, di Grinzane Cavour Gianfranco Garau, di Castiglione Falletto Paolo Borgogno, di Barolo Renata Bianco, di Piozzo Antonio Acconciaioco, di Sommariva del Bosco Marco Pedussia, di Bene Vagienna Claudio Ambrogio, di Lagnasco Roberto Dalmazzo, il vice sindaco di La Morra Marco Guarena, il primo cittadino di Barbaresco Mario Zoppi col consigliere Gabriele Boffa

LE INTERVISTE [VIDEO]

 

Il pomeriggio di festa si è concluso con l’immancabile taglio del nastro, con gli auguri di tutti i presenti per nuovi successi di quella che sempre di più rappresentazione un’istituzione per il mondo della formazione del territorio di Langhe e Roero.

I. P.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU