/ Attualità

Attualità | 27 settembre 2023, 11:45

Boom di funghi nelle vallate del Cuneese: + 20% di porcini, gallinacci e mazze di tamburo

Coldiretti ha diffuso il decalogo del cercatore

Boom di funghi nelle vallate del Cuneese: + 20% di porcini, gallinacci e mazze di tamburo

È boom di funghi nel Cuneese, specialmente nelle vallate prealpine dove, tra la seconda e la terza settimana di settembre, c’è stata una fuoriuscita eccezionale che, rispetto all’anno scorso, registra un +20% nel periodo per le zone interessate. È quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti Cuneo rispetto alla raccolta di porcini, gallinacci, mazze di tamburo, ovuli ed altre varietà.

A sostenere la svolta positiva nella Granda è stato un settembre 2023 che ha alternato caldo, pioggia e umidità; il freddo degli ultimi giorni – spiega Coldiretti Cuneo – ha rallentato l’uscita di nuovi funghi ma i terreni umidi per le recenti piogge, uniti ad una buona dose di sole e ad un clima più caldo previsto per l’inizio di ottobre, tornano a creare condizioni ottimali alla crescita.

“L’attività di ricerca non ha solo una natura hobbistica ma svolge anche una funzione economica a sostegno delle aree interne boschive dove rappresenta un’importante integrazione di reddito per migliaia di ‘professionisti’ impegnati a rifornire negozi e ristoranti di prodotti tipici locali, con effetti positivi sugli afflussi turistici” evidenzia il Presidente di Coldiretti Cuneo, Enrico Nada.

È necessario tuttavia evitare le improvvisazioni – ricorda la Coldiretti – e seguire alcune importanti regole: rispettare le norme vigenti, raccogliere soltanto funghi di cui si sia sicuri, in caso di incertezza rivolgersi sempre per controlli ai Comuni o alle Unioni micologiche, utilizzare cestini di vimini ed evitare le buste di plastica. Per i meno avventurosi il consiglio è quello di recarsi nei mercati e nei punti vendita di Campagna Amica dove spesso è possibile acquistare anche funghi coltivati.

La buona stagione è infatti un’opportunità anche per i buongustai che preferiscono cercarli sugli scaffali. In questo caso la Coldiretti invita a verificare l’indicazione del luogo di raccolta o coltivazione in etichetta o su appositi cartellini. “Le indicazioni obbligatorie – ricorda il Direttore di Coldiretti Cuneo, Fabiano Porcu – devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e l’indicazione del Paese di origine è sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, anche se esentati dal rispetto della norma di commercializzazione generale, come tartufi e funghi spontanei”. Una garanzia per sapere se i pregiati frutti del bosco sono stati raccolti in Italia o se sono arrivati da Paesi lontani con minore freschezza e garanzie di qualità e sicurezza alimentare.

 

IL DECALOGO DI COLDIRETTI PER IL CERCATORE DI FUNGHI

1.       Documentarsi sull’itinerario e scegliere i percorsi adatti alle proprie condizioni fisiche

2.       Comunicare a qualcuno il proprio tragitto evitando le escursioni in solitaria

3.       Attenzione ai sentieri nel bosco che possono diventare scivolosi a causa della pioggia

4.       Consultare i bollettini meteo e stare attenti al cambio del tempo

5.       In caso di rischio fulmini non fermarsi vicino ad alberi, pietre e oggetti acuminati

6.       Usare scarpe e vestiti adatti con scorte di acqua e cibo

7.       Non raccogliere funghi sconosciuti

8.       Verificare i limiti alla raccolta di funghi con i servizi micologici territoriali

9.       Pulire subito il fungo da rami, foglie e terriccio

10.   Per il trasporto meglio usare contenitori rigidi e areati che proteggono il fungo

 

 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium