/ Solidarietà

Solidarietà | 14 agosto 2023, 16:39

Una raccolta fondi per Matteo Bestiale, il giovane pastore che ha perso il gregge a Prato Nevoso

L'hanno attivata amici, residenti e villeggianti della frazione di Frabosa Sottana: “Una mano per fargli finire la stagione. Lui non ha mai abbandonato i suoi animali e ha tentato di salvarli”. Pecore e capre sono precipitate giù da un dirupo, molto probabilmente spaventate dai lupi. Una settantina i capi salvati, circa ottanta precipitati e deceduti

L'operazione di salvataggio del gregge caduto nel dirupo a Prato Nevoso, Comune di Frabosa Sottana

L'operazione di salvataggio del gregge caduto nel dirupo a Prato Nevoso, Comune di Frabosa Sottana

In 21 ore sono stati raccolti oltre 3.600 euro, 117 le donazioni. Sono gli amici, i residenti e i villeggianti di Prato Nevoso che hanno deciso di aiutare il giovane pastore Matteo Bestiale, 22 anni.

In pochi minuti, sabato pomeriggio, ha perso gran parte del suo gregge di pecore e capre, precipitato in un dirupo del Monte Mondolè, nel Comune di Frabosa Sottana. Una settantina i capi salvati con una complessa operazione di recupero del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese coadiuvato dai vigili del fuoco. Un'ottantina gli animali precipitati e deceduti.

La raccolta fondi è stata attivata sulla piattaforma online GoFundMe da Davide Morini: “Appena abbiamo saputo ci siamo mossi per aiutarlo. Vogliamo dargli una mano a finire la stagione. È giovane e non ha mai abbandonato il suo gregge. Aiutiamo un giovane margaro simbolo di un territorio montano che tanto amiamo e che ha bisogno di un nostro piccolo ma grande sostegno”.

Matteo Bestiale da sabato pomeriggio è praticamente irraggiungibile. Non ha mai lasciato l'alpeggio, in una zona impervia dove il telefonino non prende.

E da quello che raccontano gli altri pastori della zona - che sono subito accorsi in suo aiuto - avrebbe anche rischiato parecchio. Sabato pomeriggio c'era una nebbia fitta. Qualcosa ha spaventato il suo gregge che ha iniziato a indietreggiare verso il dirupo. Lui ha cercato di deviarlo, invano, mentre sentiva il suono delle campanelle che andavano giù. E poteva essere trascinato con i suoi animali.

Si parla di lupi – commenta il sindaco di Frabosa Sottana Adriano Bertolino -. Il maremmano che lo affianca ha cambiato atteggiamento e poi le pecore hanno iniziato a indietreggiare. Un massacro”.

Ma il morso del lupo non c'è. Dunque sarà difficile dimostrarlo e accedere agli indennizzi per le predazioni da grandi carnivori. Anche perchè, su indicazione dell'Asl, tutte le carcasse sono state interrate, per ragioni di sicurezza sanitaria.

 

Matteo Bestiale, residente a Monastero Vasco con l'azienda a Frabosa Sottana, accudisce quel gregge da solo un anno. Prima apparteneva a Michele, pastore di 74 anni, che gliel'ha ceduto. Da allora lo segue con amore e cura.

Quella della raccolta fondi è una gran bella iniziativa – conclude il primo cittadino -. Mi fa piacere che ci sia sensibilità verso questa categoria. Parliamo di un ragazzo giovane che ha scelto una professione non facile, che prevede sacrifici e rinunce, e lo ha fatto con passione. Spero che questa tragedia non gli faccia cambiare strada”.

Cristina Mazzariello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium