ELEZIONI REGIONALI
 / Taglia 14-19

Taglia 14-19 | 02 luglio 2023, 19:51

TAGLIA 14-19: RACCONTI DALL’ETA’ DEI SOGNI/Alessia

Aveva 17 anni, un carattere frizzante, lunghi riccioli castano-ramato, lentiggini e un incantevole sorriso. Si faceva notare per la sua allegria, la simpatia, quel fare gentile che conquistava tutti

TAGLIA 14-19: RACCONTI DALL’ETA’ DEI SOGNI/Alessia

“Taglia 14-19” è una raccolta di storie vere, riproposte sotto pseudonimo. Un progetto che nasce dopo tre anni di ricerca, tra fonti orali e scritte, tra studenti e studentesse delle superiori in età compresa, appunto, tra i 14 e i 19 anni. Amarezza, gioia ed emozioni palpabili riproposti attraverso i loro occhi, i temi scritti, i “pizzini” lasciati nell’agenda dell’insegnante, i messaggi durante i periodi di vacanza e i dialoghi sospesi tra un intervallo e l’altro. Ragazzi e ragazze che hanno una loro visione del mondo e della vita, anche se coglierle non è sempre così immediato.

L’autrice. Francesca Gerbi è un’insegnante di lettere e sostegno nelle scuole superiori, giornalista e scrittrice. Con l'editrice "La collina dei libri" ha appena dato alle stampe "La memoria di Viola", romanzo col quale affronta con delicatezza lo spinoso tema dell’Alzheimer.***

 

Vacanze d’estate. Mare, sabbia, sole e poi, ogni sera, sempre nella stessa sala giochi, sempre incollata allo stesso giochino per superare il record della sera precedente.

Alessia aveva 17 anni, un carattere frizzante, lunghi riccioli castano-ramato, lentiggini e un incantevole sorriso.

Si faceva notare per la sua allegria, la simpatia, quel fare gentile che conquistava tutti.

Anche quella sera era lì, concentratissima per vincere la partita.

- “Evvai! Un altro livello superato!”, disse tra sé e sé e le parve di vedere qualcuno riflesso nello schermo di vetro del videogioco. Si voltò: nessuno!

- “Boh...starò giocando da troppo tempo e avrò le allucinazioni”.

Altro livello, tornò a concentrarsi.

“Ancora li?”. Eh no, non poteva essersi immaginata quella voce! Si voltò di nuovo e stavolta c’era lui: occhi grigio-verde, capelli biondo cenere e un’abbronzatura che faceva spiccare il suo bianchissimo sorriso. “Dicevo...sei ancora lì attaccata a quel giochino? E’ più di mezz’ora che ti osservo, sei in gamba!”.

Alessia lo guardò con gli occhi spalancati, senza riuscire a dire altro che un timido “grazie”.

Che buffo! Solo un timido grazie, proprio lei che la timidezza non sapeva proprio cosa fosse.

Eppure, davanti a lui il cuore aveva cominciato a fare le capriole.

Quello fu l’inizio di un tenero innamoramento estivo che regalò ai due ragazzi serate abbracciati a guardare le stelle, romantici tramonti sul mare, corse sulla spiaggia e gite in barca dove scambiarsi teneri baci lontani da tutti.

Ma l’estate non dura per sempre e arrivò il momento di salutarsi. Alessia aveva il cuore in gola, gli occhi lucidi, non riusciva nemmeno a guardarlo in viso.

Lui le alzò dolcemente il mento, le asciugò le lacrime e sorridendo le disse: “Ci rivedremo. Cosa vuoi che siano 100 km? Il tempo di bere un caffè e arriverò da te!”.

Francesca Gerbi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium