lavocedialba.it - 05 giugno 2023, 08:33

PNRR e piccole opere, Uncem: "Non sono i sindaci ad aver voluto il passaggio al piano"

Lo afferma il presidente Marco Bussone

Marco Bussone

Marco Bussone

"Non sono certo i Sindaci ad aver voluto il passaggio da ordinarie poste di bilancio dello Stato al PNRR delle risorse economiche per progetti e lavori per la messa in sicurezza del territorio, per le manutenzioni di edifici o versanti, per la difesa dell'assetto idrogeologico. La decisione è stata assunta un anno e mezzo fa per aumentare le somme impegnate del Next Generation EU e i Comuni hanno subito questa decisione.

Con una serie di conseguenze gravi. Come ad esempio il cambio del sistema di monitoraggio, da Bdap a Regis, piuttosto che l'applicazione ora necessaria del DNSH, ancora il cambio di regole per la spesa e la rendicontazione. Sono migliaia di interventi sotto al milione di euro in centinaia di Comuni italiani, piccoli e non. Sono state fatte convogliare nel PNRR opere che non era necessario spostare lì.

I Sindaci e gli Uffici dei Comuni hanno subito queste decisioni. Ora, sugli organi di stampa, si profila a breve un nuovo passaggio ad altri modelli di gestione, FSC ad esempio, o fondi europei di altra natura, come i FESR. Sarebbe un nuovo cambio di regole, per dare più tempo e modalità più snelle.

Di certo i Sindaci subiranno ancora una volta la scelta. E una cosa confermano, ovvero tutto l'impegno per usare bene quelle risorse, PNRR o no, per investirle nel modo migliore, più efficace, per dare garanzie di futuro ai figli e ai nipoti. Per accorciare tutte le sperequazioni che un piano denominato Next Generation EU deve ridurre, con forza. Evitando di perdersi nella burocrazia e usando bene, con i Comuni insieme, le risorse disponibili".

Lo afferma Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem.

cs

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

SU